Home » Featured » Nuova vita per Il pane quotidiano

Nuova vita per Il pane quotidiano

Proprio Mi-Tomorrow, lo scorso mese, aveva raccolto le denunce dei residenti di viale Toscana che lamentavano il degrado e l’abusivismo in prossimità della sede di Pane Quotidiano Onlus. Ora la storica organizzazione, che assicura ogni giorno gratuitamente cibo alle fasce più povere della popolazione, lancia l’iniziativa “Insieme per il Pane”, che supporterà la ristrutturazione della sede. «Ogni giorno – spiega Luigi Rossi, vicepresidente di Pane Quotidiano Onlus – accogliamo una media di 3.000/3.500 persone e di questi continua ad aumentare in maniera consistente il numero di famiglie sia italiane che straniere. Dal 2008 abbiamo visto peggiorare la situazione; per questo motivo c’è bisogno di rendere più funzionale la distribuzione di generi alimentari e beni di prima necessità ai nostri ospiti, cosa che con l’attuale struttura è sempre più disagevole».

IL PIANO • I lavori di rinnovamento della sede di Pane Quotidiano di Viale Toscana, hanno come obiettivo primario quello di garantire ai tanti ospiti che ogni giorno sono in fila, un servizio di maggior qualità. Per raggiungere questo obiettivo, il progetto si divide in tre fasi: il primo passo, già realizzato grazie ai contributi ricevuti, è stata la creazione di un nuovo deposito merci e di un ricovero mezzi nell’area est della struttura. Si proseguirà con la ristrutturazione e ampliamento delle aree magazzino e della sala mensa.

I VANTAGGI • Questa fase del progetto, unita alla precedente, permetterà di avere a disposizione un magazzino più ampio e maggiori spazi di stoccaggio, al fine di ottenere una maggior capacità di organizzazione dei generi alimentari, attraverso la costruzione di una cella frigorifera più ampia e il restyling di quella già esistente. Infine, il progetto si concluderà con la realizzazione di un prefabbricato interamente fatto di legno, che ospiterà i nuovi uffici di Pane Quotidiano ma che al contempo permetterà in maniera più agevole la distribuzione dei pacchi alimentari. In concomitanza a questi interventi strutturali, verrà totalmente rinnovata la pavimentazione interna e esterna in modo da permettere l’accesso alla sede più facile e sicuro.

I PARTNER • Il progetto complessivo di ristrutturazione si realizzerà grazie all’Università Commerciale Luigi Bocconi e Giannasi, che hanno deciso di diventare partner di Insieme per il Pane, sostenendo l’attività di ristrutturazione. Per maggiori informazioni e per sostenere il progetto insiemeperilpane.it.

 

Una storia ultracentenaria

Pane Quotidiano nasce a Milano nel 1898 come organizzazione laica, apolitica, apartitica e senza scopo di lucro, con l’obiettivo primario di assicurare ogni giorno, e gratuitamente, cibo alle fasce più povere della popolazione, distribuendo generi alimentari e beni di conforto a chiunque si presenti presso le proprie sedi e versi in stato di bisogno e vulnerabilità, senza alcun tipo di distinzione. L’associazione persegue la propria missione da più di un secolo soprattutto grazie al lavoro dei volontari e alla generosità di aziende che la sostengono, attraverso la donazione di generi alimentari o di contributi economici. Inoltre, Pane Quotidiano promuove e partecipa anche a progetti in partnership con altre Associazioni, tra cui City Angels, Società Umanitaria, Cuochi senza Barriere, Aldai – Associazione Lombardia Dirigenti Aziende Industriali.

Come sostenere

Pane Quotidiano finanza le proprie attività grazie a donazioni da parte di privati e aziende. Le donazioni possono essere sia di natura economica, sia di generi alimentari e beni di conforto, come abiti, scarpe, giocattoli, libri. Si possono donare beni di conforto o generi alimentari, confezionati e non scaduti, puoi recarti presso una delle due sedi di Milano in viale Toscana 28 (dal lunedì al venerdì dalle 7.00 alle 17.00, il sabato dalle 7.00 alle 12.30) e in viale Monza 335 (dal lunedì al venerdì dalle 7.00 alle 11.00). Si possono effettuare versamenti anche tramite le Poste Italiane (conto corrente 27739200) o bonifico bancario (Iban IT95 J033 5901 6001 0000 0117929).