Home » Featured » Open House, si riparte! Ecco Rossosegnale

Open House, si riparte! Ecco Rossosegnale

Domani e domenica Milano ospiterà la sua seconda edizione di Open House, l’evento che consente agli abitanti di 4 continenti e di 31 città di accedere per un intero weekend ad edifici pubblici e privati dal notevole valore artistico ed architettonico, guidati in visita gratuita. Open House Milano rivolge la propria attenzione alle strutture normalmente non accessibili e al patrimonio architettonico storico, moderno e contemporaneo. In Italia l’iniziativa si è sviluppata a Roma dal 2012, per poi approdare l’anno scorso all’ombra della Madonnina, ma il concept originale è nato a Londra. Per le visite, il cui programma è consultabile sul sito openhousemilano.org, la città è stata mappata utilizzando l’antico criterio dei Sestieri: 6 aree che si sviluppano sulle direttrici delle storiche porte, dal centro alla periferia, per approfondire anche lo sviluppo urbanistico di Milano. L’iniziativa promuove il tema della “città partecipata”, favorendo il dialogo fra pubblico e privato e dando vita ad un circolo virtuoso sullo sviluppo sostenibile del territorio e del suo patrimonio.

CONCEPT ESPANSI • Uno dei gioielli più interessanti da scoprire durante questa edizione è RossoSegnale, particolarissimo B&B ed art boutique collocato in zona Loreto, in via Sacchini 18, in una palazzina ristrutturata che un tempo ospitava il garage di un meccanico del quale è rimasta solo la buca per le riparazioni dei veicoli, trasformata in luminosa vetrina per opere d’arte ed inserita in 3001 LAB, galleria d’arte che occupa quasi tutto il piano terra dell’edificio. Il nome della pensione prende spunto dal colore dell’ascensore che è la spina dorsale della casa e che conduce in tre stanze essenziali ed accoglienti: queste affacciano su un giardino dai tratti metafisici, che assieme ad ampie terrazze danno agli ospiti la sensazione di trovarsi in vacanza non necessariamente in città. Vi sentirete coccolati come a casa in un ambiente che per struttura, cura ed arredamenti, trascina in una dimensione mentale alternativa. Esiste anche una nuova ulteriore sede del B&B nel Design District di Tortona, intitolata Milano LOFT, che in un ex studio fotografico restituisce una nuova idea di ospitalità.

OLTRE GLI SPAZI • L’originale spazio ibrido tra una casa ed una galleria d’arte, tra i suoi singolari elementi artistici e di design perfettamente integrati nelle proprie stanze, ospita la mostra No Supervision dell’artista americano Adam Ryan Juresko, sua prima personale europea allestita con il MIMAT. Nella galleria del B&B potrete gustarvi i suoi Alternative Movie Works, singolari ready made cinematografici che diventano personali rielaborazioni, concettuali ed estetiche, delle più note locandine dei film della storia del cinema. RossoSegnale ha sempre cercato di raccontare storie: quelle della gente, di viaggi, di esperienze e riflessioni, delle vicende umane che anche l’arte racconta in ogni suo semplice gesto. E nei giorni di Open House continuerà il suo lavoro con l’esposizione di Avansguardi (www.avansguardi.com)Tutto l’intorno del momento-Mutoscope II, installazione site specific che porta alla riflessione sulla natura delle immagini in movimento, in armonia con gli spazi del B&B, durante una degustazione di vini dell’Oltrepò Pavese offerti dall’azienda Agricola Barbara Avellino. Ma RossoSegnale è anche orgoglioso di partecipare alla distribuzione italiana del film Alamar, di Pedro Gonzàlez-Rubio, confermando che a Milano prendono vita nuovi spazi fluidi senza limiti di idee: coerenti, ma veramente aperti sul presente e sul futuro dell’immagine e della cultura.

Articoli simili