Home » Dove mi porti? » Un tour nei sette comuni della Valle dei Pittori

Un tour nei sette comuni della Valle dei Pittori

Di un open day in una valle alpina non si era mai sentito parlare. Ci hanno pensato con Viva Vigezzo i sette comuni di questa valle piemontese che si trova in territorio ossolano. La giornata da tenere d’occhio è domenica prossima, 21 maggio.

TESORI SVELATI • Le valli alpine racchiudono e custodiscono gelosamente tra i loro rustici alpeggi e gli autentici borghi in pietra, storie e tesori che a volte sono conosciuti solo da chi queste zone le abita e in cui è cresciuto. La Valle Vigezzo, conosciuta come Valle dei Pittori per i suoi incredibili colori, soprattutto dopo il letargo invernale, e per la storica tradizione artistica, apre le porte a tutti i visitatori proponendo tutto il suo meglio per i prossimi mesi. Domenica sarà possibile scoprire – o riscoprire per chi già la frequenta da anni – alcuni angoli mai esplorati prima, visitando musei, chiese e oratori. La giornata sarà arricchita da visite guidate, degustazioni, esibizioni, attività per i bambini, dimostrazioni pratiche degli antichi mestieri legati alla Val Vigezzo.

I PITTORI • Sono sette i comuni che compongono la valle, ma si aggiungono a essi mille frazioni ognuna delle quali con caratteristiche proprie. Quest’area, inoltre, confina con il territorio wilderness più ampio d’Europa, il Parco Nazionale della Val Grande. La valle si può raggiungere da Domodossola, capoluogo del territorio ossolano, sia in auto sia con il suggestivo percorso ferroviario panoramico della Ferrovia Vigezzina-Centovalli. Il primo comune della valle è Druogno, per poi raggiungere la perla del luogo: Santa Maria Maggiore, che dedicherà la giornata all’arte sacra e a quella pittorica. Nel centro storico è in programma l’evento speciale En plain air, con artisti che si cimenteranno nella pittura all’aperto: una piccola Montmartre in stile alpino.

FORMAGGI • Una delle colonne portanti della vita contadina della Val Vigezzo è l’attività casearia. E a Toceno la giornata di domenica 21 maggio sarà arricchita da una dimostrazione pratica di produzione del formaggio. Da non perdere anche Villette, il paese delle meridiane, che si mostrerà ai visitatori con un percorso dedicato ai sassi dipinti di Federica Ramoni, con letture dedicate ai più piccoli. Ca’ di feman è il museo di arte contadina che si trova a Villette. Lo studioso locale Gim Bonzani sarà a disposizione per guidare i visitatori alla scoperta delle decine di meridiane che impreziosiscono gli edifici del paese. Per tutti i dettagli e gli approfondimenti degli appuntamenti di domenica previsti per Viva Vigezzo sono disponibili sul sito web della Valle Vigezzo vallevigezzo.eu e sulla pagina Facebook ufficiale.

Distanza da Milano a Santa Maria Maggiore: 148 km, due ore e 5 minuti

CRAVEGGIA
Nella chiesa parrocchiale dedicata a San Giacomo e a San Cristoforo c’è un vero tesoro. Si tratta di paramenti religiosi, oggetti liturgici, dipinti di manufatti di grande valore artistico e storico, tra cui spiccano il drappo funebre di Luigi XIV e il manto nuziale della Regina Maria Antonietta.

RE
A Re si trova il maestoso santuario della Madonna del Sangue, con annesso museo. Saranno allestite una mostra pittorica e una dedicata ala costruzione dell’edificio religioso. E’ stato pensato anche un mini giro gastronomico nelle vie del borgo, Mangiar da Re, da abbinare al percorso nel verde Quattro passi tra storia, preistoria e oltre.

MALESCO
A Malesco e nelle sue frazioni è prevista l’apertura e la visita guidata delle strutture sacre e museali dell’Ecomuseo regionale Ed Leuzerie e di Scherpelit. Si potrà visitare il lavatoio dedicato al primo uomo che attraversò la Manica a nuoto, il maleschese Giovan Maria Salati che compì l’ardua impresa proprio duecento anni fa.