Home » Zapping Parade » #Milanochelegge: quattro titoli per voi

#Milanochelegge: quattro titoli per voi

Massimo Carlotto

Blues per cuori fuorilegge e vecchie puttane

Edizioni E/O

213 pagine

16 euro

Ogni libro di Massimo Carlotto con protagonista Marco “l’Alligatore” Buratti è sempre attesissimo dagli amanti del noir italiano: due anni dopo Per tutto l’oro del mondo, l’Alligatore è di nuovo impegnato ad arginare uno dei suoi nemici più pericolosi, Giorgio Pellegrini, passato da latitante a infiltrato per le forze dell’ordine. Un doppio gioco che per Buratti e i suoi soci rischia di costare molto caro.

AA.VV.

Diabolik. Fuori dagli schemi

Mondadori/Astorina

192 pagine

19 euro

Il Lucca Comics and Games è alle porte e gli editori di fumetto stanno preparando le novità per la stagione. Tra le tante uscite interessanti, un volume per i 55 anni di Diabolik con una serie di storie brevi realizzate da grandi nomi del fumetto italiano. Dalla copertina disegnata da Milo Manara a Giorgio Cavazzano, grande disegnatore Disney. E ancora Claudio Villa, storico disegnatore di Tex, Vittorio Giardino e molti altri affiancati da sceneggiatori di alto livello come Tito Faraci, Alfredo Castelli, Mario Gomboli. Imperdibile!

Paolo Iabichino

Scripta volant

Codice Edizioni

153 pagine

16 euro

Con il digitale non sono cambiate solo le nostre vite, ma anche e soprattutto i linguaggi di comunicazione della pubblicità. Paolo Iabichino, pubblicitario e direttore creativo per Ogilvy & Mather Italia, con questo libro ha cercato di definire una nuova grammatica a mo’ di abbecedario per scrivere (e leggere) una nuova comunicazione pubblicitaria che oggi fa i conti con ciò che noialtri non del mestiere viviamo ogni giorno senza accorgercene: social network, branded content, native advertising, influencer e – anche loro – i millenials.

George Saunders

Lincoln nel Bardo

Feltrinelli

347 pagine

18,50 euro

Il primo romanzo di uno scrittore americano che per tutta la sua carriera si è dedicato ai racconti: sin dalla stesura aveva già fatto parlare molto di sé. Oggi è fresco vincitore del Man Booker Prize, importante riconoscimento un tempo riservato solo a libri dai paesi del Commonwealth e da qualche anno aperto anche alla letteratura americana. La storia si dipana da un fatto realmente accaduto: nel 1862, dopo le esequie del figlio morto di malattia, Abramo Lincoln si reca alla sua tomba e ne abbraccia le spoglie. Il calvario del Presidente è reso attraverso un coro di voci che dialogano incessantemente tra loro coinvolgendo sempre di più il lettore.