Home » Dove mi porti? » La montagna a portata di ciaspola

La montagna a portata di ciaspola

La montagna di inverno non è un’esclusiva di chi scia o si muove sullo snowboard lungo le piste innevate. Le località di montagna si stanno attrezzando sempre di più per offrire ai visitatori, anche quelli “di giornata”, un’ampia gamma di proposte e opportunità che hanno a che fare con la neve ma che non riguardano esclusivamente lo sci: ecco allora le piste per slittini, quelle dedicate alle fat bike, cioè le bici dalle ruote larghe che si muovono anche sul ghiaccio. Fino ai sentieri segnati appositamente per le ciaspole, le racchette che consentono di muoversi abbastanza agilmente sulla neve e camminare sui sentieri imbiancati anche durante la stagione fredda.

DOVE E COME • Le proposte in Lombardia non mancano affatto. Sia perché per utilizzare le ciaspole non bisogna affatto essere esperti; sia perché tutti i sentieri che in primavera, autunno e soprattutto estate sono battuti dai camminatori che amano la montagna possono essere percorsi senza problemi anche muniti di ciaspole qualora fossero ricoperti dalla neve. Il sito di Assorifugi però mette in evidenza alcuni tragitti e le relative indicazioni per arrivare alla meta senza troppa fatica. Uno di questi, per esempio, si trova nella bergamasca e si raggiunge in poco più di un’ora di auto dal capoluogo: a Carona, località ben nota ai milanesi che amano lo sci, prende il via il percorso che porta verso il Rifugio Calvi e in seguito sulla vetta del Monte Madonnino. Quando si arriva sotto il versante settentrionale della vetta conviene procedere solo se si è esperti e se si possiedono ramponi e piccozza, perché il pendio potrebbe presentare alcune lastre ghiacciate. Ma fino a quel punto il percorso è facile e dolce.

IN VALTELLINA • Una seconda proposta è la ciaspolata alla Motta di Olano, in Val Gerola, Bassa Valtellina. “Partendo dal Rifugio della Corte si percorre il sentiero 114 oppure la comoda strada agrosilvopastorale, sempre innevata per la sua esposizione a nord, che ci porta alla Motta di Olano; in questi 500 metri di dislivello si passa dalla pineta al pascolo potendo incontrare lepri bianche e diverse varietà di uccellini che vivono queste quote”, le indicazioni proposte dalle guide della Lombardia. Tutte le informazioni per mettersi in marcia su questi e su altri percorsi per ciaspole si possono trovare comodamente sul sito rifugi.lombardia.it.