Home » Dove mi porti? » Un Carnevale esagerato

Un Carnevale esagerato

Esagerare. Alla fine il senso della festa del Carnevale è sempre stato questo. Prima della Quaresima, prima del periodo più austero dell’anno, quello che avvicina alla Pasqua, quello delle rinunce, ecco un giorno (o anche di più) in cui lasciarsi andare, ricercare il piacere dei sensi, anche assumendo un’altra identità con l’aiuto di maschere e travestimenti. In una parola, esagerare. Ecco, se volete vivere un Carnevale esagerato, anche un po’ fuori dai classici schemi nostrani, basta scavalcare le Alpi: in Svizzera ci sono festeggiamenti e riti (più di cento) eterogenei che riflettono la diversità e la multiculturalità che caratterizza la Confederazione. La tradizione religiosa si mescola agli antichi riti pagani che scandivano il succedersi delle stagioni. In alcuni Cantoni il Carnevale si basa principalmente sull’usanza pre-cristiana di scacciare l’inverno e gli spiriti cattivi per accogliere, invece, la rinascita della primavera.

QUI BASILEA • Uno degli appuntamenti più imperdibili è quello di Basilea. La festa, il Carnevale più popolare e partecipato della Svizzera (20mila presenze annue), dal 2017 è stata inserita nella lista Unesco come patrimonio culturale immateriale dell’umanità, per l’unicità e la storicità di questa tradizione. Dal 19 al 21 febbraio Basilea si scatena al ritmo dei cortei in maschera che sfilano per la città vecchia. Evento tra gli eventi, quello sicuramente più attrattivo e più fotografato dai turisti, il cosiddetto Morgenstraich: la sfilata delle lanterne che inaugura i tre giorni di cortei e baccanali.

QUI SOLOTHURN • Colpisce sicuramente per i suoi accostamenti quasi eccessivi la festa a Solothurn, nota per essere la città più barocca della Svizzera. Ecco, proprio qui, va in scena una carnevale in stile hawaiano (perché si crede che la città stia agli antipodi rispetto all’arcipelago Usa). Le manifestazioni durano un mese intero e culminano con la settimana di sfilate che precede la Quaresima: per tutto questo periodo Solothurn cambia il suo nome in Honolulu. La festa entra nel vivo alle 5 del mattino di domani, giovedì grasso (8 febbraio) con il Chesslete, il chiassoso corteo armato di fiaccole e di strumenti assordanti, e si conclude la sera del mercoledì delle ceneri (14 febbraio) con l’incendio del pupazzo di paglia Böögg.