26.4 C
Milano
24. 05. 2022 16:55

Il cane in condominio? Ecco il prontuario a prova di vicini

Per evitare lunghi e noiosi battibecchi basta seguire alcune semplici regole consigliate dall’AIDAA

Più letti

In Italia si litiga per tutto, ma le litigate per il cane in condominio che abbaia o che sporca sono all’ordine del giorno. Secondo alcune stime del tribunale degli animali, la storica struttura legale dell’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente che da anni segue proprio in particolare le cause condominiali sono almeno 70 le litigate quotidiane tra condomini e vicini di casa che prendono pretesto l’atteggiamento del cane (o del gatto) per azzuffarsi e di queste una percentuale finisce il tribunale, le cose sarebbero peggiorate con il lockdown che negli ultimi due anni ha visto molte famiglie confinate tra le mura domestiche.

Cane in condominio: le regole per evitare discussioni con i vicini

In particolare questi litigi avvengono nelle città e sempre secondo la struttura legale di AIDAA il maggior numero è concentrato nelle grandi città come Milano. L’associazione propone così un prontuario di regole che se seguite alla lettera riducono e di molto la possibilità di litigi tra vicini per colpa, spesso presunta del cane.

La prima regola riguarda l’uso dal guinzaglio corto (mt. 1,50) e della museruola nei giardini condominiali, ma anche negli ascensori. Vengono consigliati anche deodoranti e, ovviamente, la raccolta di deiezioni. Altro consiglio è quello di non lasciare mai libero l’animale negli spazi comuni. E se il cane abbaia in casa negli orari del riposo, bisognerebbe provvedere ad insonorizzare la zona dove vive il cane e predisporre gli spazi a lui riservati nella zona più lontana possibile rispetto alle case ed alle finestre dei vicini. Infine: evitare di lasciare solo in appartamento il proprio cane per più di sei-sette ore al giorno.

Cane in condominio: il decalogo

cane in condominio-Portare sempre il cane al guinzaglio corto (mt. 1,50) e con la museruola al seguito quando si attraversano o si sosta negli spazi comuni e nel giardino condominiale

-Ricordarsi di portare sempre con se un deodorante per togliere gli odori di Fido e del materiale per l’eventuale pulizia degli ascensori qualora Fido perda pelo.

-Mai lasciare libero il cane per le scale condominiali o negli spazi condominiali chiusi e nei
giardini condominiali.

-Raccogliere sempre e con gli appositi sacchettini le deiezioni dei propri cani e pulire con
appositi prodotti non nocivi qualora il cane faccia pipì in spazi condominiali.

-Se si possiede un giardino di proprietà utilizzato dal cane questo deve essere sempre tenuto pulito dalle deiezioni in modo da evitare sgradevoli odori ai vicini.

-Mai lasciare in giro negli spazi comuni ciotole contenenti cibo o acqua per il proprio cane, se lo stesso mangia in spazi comuni.

-Se il cane abbaia in casa negli orari del riposo provvedere ad insonorizzare la zona dove vive.

-Mai lasciare il cane libero in ascensore, potrebbe disturbare o importunare gli altri condomini.

-Portare il cane a passeggio almeno due volte al giorno, lasciandolo correre per almeno mezz’ora in una apposita area cani: lo aiuterà a stancarsi e distrarsi.

-Evitare di lasciare solo in appartamento il proprio cane per più di sei-sette ore al giorno, il
cane si sentirebbe trascurato e ovviamente si lamenterebbe.

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...