7.9 C
Milano
15. 04. 2021 07:19

Crisanti: «Su AstraZeneca isteria totale, per le trombosi è più pericoloso l’aereo»

Più letti

Bollettino regionale Covid: tasso di positività al 4,2%, intensive -6, ricoveri -138, decessi +85

I positivi al Covid-19 riscontrati nelle ultime 24 ore in Lombardia sono 2.153 con la percentuale tra tamponi eseguiti...

L’industria musicale: «Via libera al calcio? Una farsa»

«Se è possibile accedere in uno stadio con 16mila persone per il calcio deve essere possibile anche per un...

Il giorno del vaccino: cronaca di un’esperienza diretta

Non solo code chilometriche di anziani ammassati in fila, magari sotto la pioggia, per ricevere il vaccino contro il...

«C’è un’isteria totale. Abbiamo completamente perso il senso della storia». Così il professor
Andrea Crisanti, in merito agli ultimi dubbi circolati sul vaccino Astrazenca. «Ma ha idea di quanti casi fatali di trombosi venosa profonda si verificano ogni anno per i viaggi in aereo? Cinque su 10mila, 500 su un milione, ovvero 500 volte in più degli eventi avversi di AstraZeneca. E per questo non andiamo più in aereo?», chiede l’esperto.

Affidabilità. «Io avevo sostenuto che senza dati pubblici non mi sarei fidato – ha aggiunto Crisanti -, ma ora che gli studi sono disponibili posso dire che è uno dei vaccini più sicuri che esistano”, assicura il professore, che si è vaccinato con «Pfizer, ma non mi tirerei indietro con AstraZeneca».

Viaggi. Il professore ordinario di microbiologia all’Università di Padova sostiene che i pendolari corrono ancora un rischio «gravissimo»: «La necessità di prendere trasporti, la densità: non è stata fatta nessuna analisi per capire dove sta il rischio».

In breve

Maran: «Prorogare gratuità dell’occupazione del suolo pubblico per tutto il 2021»

«Ribadisco che è fondamentale che il Governo proroghi la gratuità dell'occupazione suolo pubblico per tutto il 2021 con i...