12.7 C
Milano
16. 05. 2021 08:44

Festa della donna, sui muri di Porta Genova un “Quarto Stato” al femminile e femminista

La nuova opera di Cristina Donati Meyer per ribadire che le donne "non esistono solo l'8 marzo"

Più letti

L’artivista Cristina Donati Meyer colpisce ancora. Sui muri di Porta Genova nei pressi di via Ventimiglia è comparsa una sua rivisitazione in chiave femminile e femminista del celebre quadro “Il Quarto Stato” di Pellizza da Volpedo. A guidare il popolo nella rappresentazione sono tantissime donne, non semplici comparse, ma protagoniste.

L’opera. Non a caso tra le file si scorgono i volti di tantissime donne protagoniste nel corso del ‘900, le quali hanno lottato strenuamente per i diritti di una classe intera: Artemisia Gentileschi, Nilde Jotti, Franca Rame, Tina Anselmi, Ilaria Cucchi, Irma Bandiera, Grazia Deledda, Margherita Hack, Liliana Segre, Lucia Pinelli e tante altre.

Un’opera che invita a riflettere sul ruolo della donna e a non celebrarla esclusivamente l’8 marzo, una festa che per certi tratti assume sempre più un valore commerciale, perdendo quel significato intrinseco che la caratterizza.

«Non più comparse, mogli, madri o sorelle, ma protagoniste – scrive Cristina Donati Meyer -. Non esistiamo solo l’8 marzo o “dietro un grande uomo”. Per capacità creativa delle donne, questo giorno si è trasformato da ricorrenza inutile, ipocrita e da libro “Cuore”, in uno sciopero generale femminile, un momento di rivendicazione e di lotta che non può essere relegato ad una sola giornata l’anno».

 

In breve

Brera a portata di click: un’app per scoprire la Pinacoteca (e non solo)

Far scoprire ai milanesi e agli appassionati di arte tutti i segreti, le curiosità e la storia della Pinacoteca...