7.8 C
Milano
05. 12. 2021 15:28

Emergenza climatica, Greta Thunberg arriva a Milano per lo “Youth4Climate”: «Solo parole dai governanti»

L'attivista Greta Thunberg arriva a Milano per partecipare al meeting sul cambiamento climatico: dure parole nei confronti dei governanti europei

Più letti

A Glasgow, passando per Milano. E’ proprio nel capoluogo lombardo, infatti, che in questi giorni vengono ospitati due eventi che faranno da preludio alla Conferenza delle Parti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (COP26), in programma in Scozia, organizzata dall’UNFCCC (United Nations Framework Convention on Climate Change) insieme al governo britannico e a quello italiano.

Una delle “stelle” più attese nel capoluogo meneghino è indubbiamente Greta Thunberg, che è sbarcata sotto la Madonnina questa mattina per presentare all’apertura di “Youth4Climate: Driving Ambition”.

Greta Thunberg e non solo: il programma della Pre-Cop26

Da oggi a giovedì il Centro Congressi MiCo ospita “Youth4Climate: Driving Ambition”: due giovani per ognuno dei 197 Paesi membri dell’UNFCCC (la Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici) saranno impegnati in gruppi di lavoro e dibattiti. Al termine dei lavori verrà adottato il documento finale che sarà poi condiviso nell’ambito dell’incontro di giovedì con i ministri impegnati nei lavori della Pre-COP26.

Ad aprire le danze è stata appunto Greta Thunberg, la quale ha aperto il meeting dichiarando tutto il suo pessimismo ai giornalisti presenti: «Sto bene – ha detto arrivando al Mico – e ho le stesse aspettative di molti altri incontri, molte parole».

Nel discorso di apertura ha poi sottolineato quanto «i nostri leader difettano di azione ed è intenzionale. Fanno finta di avere ambizioni contro i cambiamenti climatici, ma aprono miniere sfruttando risorse senza aumentare risorse. Selezionano giovani come noi facendo finta che ci ascoltano, ma non è vero, non ci stanno ascoltando».

La palla ai governanti

Giovedì il Ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, del Presidente del Consiglio Mario Draghi e del Primo Ministro britannico Boris Johnson, darà il via alla Pre-COP26: tre giorni di lavori tra Governi e delegazioni provenienti da gran parte del mondo su aspetti politici chiave del negoziato del clima, consapevoli che non potrà esistere un piano di riserva.

greta thunberg pre-cop26
greta thunberg

Alla Pre-COP26 parteciperà un gruppo selezionato di circa 40 nazioni, offrendo ai rappresentanti del Segretariato UNFCCC e ai presidenti degli organi sussidiari della Convenzione un confronto informale e uno scambio di vedute su alcuni aspetti chiave in vista del successivo negoziato che si terrà presso lo Scottish Exhibition Centre (SEC) di Glasgow dove, dal 31 ottobre al 12 novembre, si riuniranno oltre 30.000 delegati, tra cui Capi di Stato, esperti climatici e attivisti.

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...