29.1 C
Milano
25. 07. 2024 12:58

Identità di genere: Milano dice sì al registro per le persone transgender

La città identificata come «zona di libertà per le persone Lgbtq+» 

Più letti

Il Consiglio Comunale di Milano ha detto sì al registro per i trans, facendo diventare la città una zona di libertà per le persone Lgbtq+ rispettando l’identità di genere. A Palazzo Marino, dunque, parte la rivoluzione sociale che in molti auspicavano, vista anche la presenza di diversi assessori molto vicini a questo tema.

Identità di genere, arriva il registro per i trans

Milano dunque dice sì all’identità di genere. Ieri pomeriggio, lunedì 16 maggio 2022, in Consiglio comunale si è discusso proprio di questo tema, un ordine del giorno e una mozione approvati che potrebbero davvero portare ad una rivoluzione nella pubblica amministrazione. L’ordine del giorno era firmato dalla consigliera del Partito Democratico, Monica Romano, la prima donna transgender eletta a Milano. Quello che ne consegue, con l’approvazione di questo ordine del giorno, è che ora Milano consentirà ai transgender di avere documenti di riconoscimento, perlomeno quelli di competenza del Comune (vale a dire abbonamento Atm, tessere delle biblioteche, badge, eccetera) con sopra il nome scelto e non per forza quello anagrafico ricevuto a suo tempo.

Nasce l’alias, via il nome di battesimo

Nessuna costrizione, ma una scelta. È questo quello a cui puntavano in molti, tanto che la mozione è stata firmata anche dai consiglieri democratici Michele Albiani, Angelo Turco e Carmine Pacente; una mozione che invita sindaco e Giunta a proclamare «Milano come zona di libertà per le persone Lgbtq+ sull’esempio della risoluzione del Parlamento europeo dell’11 marzo 2021… esporre la bandiera Arcobaleno fuori da Palazzo Marino ogni 17 maggio, giornata internazionale contro l’omotransfobia». 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Gaia Romani (@romani.gaia)

La soddisfazione di Gaia Romani

Soddisfazione anche nelle parole di Gaia Romani, assessora ai Servizi Civici e Generali del Comune di Milano, che su Instagram ha trionfalmente scritto: «Discusso e approvato un ordine del giorno importantissimo per i diritti delle persone transgender – le sue parole – questo prevede: la richiesta di istituire il Registro per il riconoscimento del genere di elezione; e di impegnarci a favorire il diritto al voto delle persone tramsgender». Gaia Romani entra poi nel merito: «Affrontare il primo punto significa superare la burocrazia che spesso impone alle persone transgender di essere riconosciute per un’identità di genere che non è più la loro… Il secondo ci impegna a fare quanto nel nostro potere per evitare che riaccada che le persone transgender per evitare di affrontare umiliazioni e abusi preferiscono non presentarsi ai seggi». Milano punta dunque ad essere la città dei diritti «… dove ogni milanese possa sentirsi bene, sentirsi a casa senza se e senza ma» ha concluso Gaia Romani.

In breve

Il Municipio 1 vince il FantaMunicipio 2024, il presidente Abdu: «Tuteliamo le identità dei singoli quartieri»

Il FantaMunicipio di Mi-Tomorrow di quest’anno ha visto trionfare il Municipio 1 guidato dal 2021 dal presidente Mattia Abdu...