29.1 C
Milano
13. 07. 2024 20:55

Il 2022 di Fiera Milano: l’eccellenza che non tramonta mai

E la grande novità per il 2023 sarà la nascita di un polo mondiale del food

Più letti

C’è soddisfazione nelle parole di chiunque cerchi di analizzare il 2022 di Fiera Milano. Un’annata fatta di sacrifici, di paure, ma anche di molti sorrisi, di pacche sulla spalla e di piacevoli scoperte. Come ammesso anche da Luca Palermo, CEO della stessa azienda, che solo qualche settimana fa, alla Prima della Scala, aveva ammesso: «Il 2022 di Fiera Milano è stato ottimo ed è andato meglio delle attese. Guardiamo con attenzione al 2023, con i temi dell’inflazione e dell’energia che impattano sulle Pmi».

Il 2022 di Fiera Milano e lo sguardo già verso il 2023

La ripartenza del settore fieristico, dopo il periodo pandemico e quello immediatamente successivo, era fondamentale per tutta la ripresa economica del paese. E il 2022 di Fiera Milano è stato decisamente incoraggiante, visto che dopo la pandemia il sistema aveva capito cosa voleva dire non avere eventi e quanto questo fosse necessaria per far ripartire la macchina (anche grazie agli aiuti del governo, bisogna ammetterlo). Una pandemia drammatica ma che è stata anche occasione per ripensare il sistema e ribadire l’importanza del settore fieristico. In un’altra delle sue molte interviste, Luca Palermo aveva ammesso: «Abbiamo reagito alla crisi del comparto presentando un anno e mezzo fa il piano strategico “Conn.E.C.T. 2025, con l’obiettivo di puntare a una nuova normalità, confermando e rafforzando il nostro ruolo di partner strategico al fianco delle imprese nei loro processi di innovazione, crescita e internazionalizzazione». 

Artigiano in Fiera 2022

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Come è andata la ripresa e come è stato il 2022 di Fiera Milano 

Appena avuto il via libera dal governo per ripartire il 15 giugno 2021, Fiera Milano si è subito rimessa in moto. Un unicum a livello europeo, dove il polo di Rho-Fiera ha ospitato, solo per fare un esempio, più eventi della Germania intera. Benissimo anche il 2022, che ha visto il ritorno di macro fiere e micro fiere di caratura internazionale, con i colossi Salone del Mobile e Mostra Convegno Expocomfort tornati quasi ai livelli pre Covid. Merito anche dei ristori del Governo, che ha compreso come l’importanza del settore fieristico, un comparto che vale 60 miliardi di euro, fosse fondamentale per tutto il movimento economico. 

Occhi al 2023, a Fiera Milano nascerà il polo del food mondiale

Il 2022 di Fiera Milano si è chiuso con un incremento di visitatori unico, merito sia di eventi come Milano AutoClassica, Eicma ma, soprattutto, di Artigiano in Fiera. E la grande novità per il 2023 sarà rappresentata dalla nascita di un polo mondiale del food da 80 miliardi di euro, grazie all’alleanza tra la lombarda Tuttofood e il Cibus di Parma. Senza dimenticare il ritorno, a Mico, dal 12 al 14 febbraio, della NIt, la Borsa Internazionale del turismo, altro grande cavallo di battaglia di Fiera Milano.

In breve

FantaMunicipio #38: mai come quest’anno Milano da numero uno, vince il Municipio 1

In una agguerrita edizione del FantaMunicipio è il Municipio 1, quello del centro storico, guidato dal presidente Mattia Abdu...