3.8 C
Milano
10. 12. 2022 10:53

Consolato Iran a Milano, nuovo murale di solidarietà: barba tagliata a Khamenei

Si intitola "Diamo un taglio alla repressione" l'opera affissa dall'artista Cristina Donati Meyer

Più letti

Un nuovo murale come segno di solidarietà per le donne iraniane. Accade a Milano, stavolta ad opera della street artist Cristina Donate Meyer, che fa seguito al dito medio di Marge Simpson affisso sempre davanti alla sede del consolato iraniano a Milano.

Il murale difronte al Consolato iraniano a Milano

Si intitola “Diamo un taglio alla repressione” l’opera di Cristina Donati Meyer affissa di fronte al Consolato iraniano di Milano in solidarietà con le donne iraniane. Rappresenta la cosiddetta guida suprema, Khamenei, al quale due mani di donna tagliano la barba. L’intervento in via Moterosa dei soldati di stanza di fronte alla sede diplomatica ha costretto l’artista a rimuovere l’opera che, in seguito, è stata affissa in Via Valenza – Porta Genova, nei pressi della fermata dell’autobus/tram.

Cristina Donati Meyer

«Comprendo il gesto di tagliarsi ciocche di capelli in segno di lutto e solidarietà con le ragazze e le combattenti iraniane; ma al punto in cui si è spinta la brutale repressione patriarcal misogina dei pasdaran, servirebbe tagliare le barbe al regime e agli ayatollah. E’ quello che ho voluto fare con la mia opera, seppur virtualmente e figurativamente», afferma l’artista, che è una attivista femminista.

In breve

FantaMunicipio #13: da orti abusivi a spazi verdi. La nuova classifica

Un paio di sopralluoghi per gli spazi verdi in città hanno ridato attenzione a due aree della città su...