8.9 C
Milano
05. 03. 2021 11:25

Milano, sempre più attività in vendita: lo zampino della criminalità organizzata

L'ombra della criminalità organizzata si allunga su Milano: nel mirino le attività fiaccate dalla crisi economica

Più letti

Un irresistibile sound per Colapesce e Dimartino: «Leggerissimi, noi»

Lo scorso anno si sono uniti dando alla luce il loro primo album di inediti dal titolo I mortali,...

Willie Peyote, il cantante più “politico” del Festival: «Se sei un guastatore, come puoi esimerti»

«Avere un personaggio che funziona è più importante che avere talento, avere il consenso è più importante che avere...

La prima volta a Sanremo dei Coma_Cose: «Amore e disagio: Milano è alienante»

Si chiama Fiamme negli occhi il brano scritto a quattro mani da Fausto Lama e California, in arte Coma_Cose:...

Le saracinesche delle vie di Milano si abbassano e su di esse iniziano a comparire i tristi cartelli “Vendesi”. È la fotografia di un settore della ristorazione sempre più in crisi: un bar su 4 ha già chiuso o sta per chiudere i battenti. La crisi economica non fiacca solo le attività, ma anche le possibili vendite. Inoltre i prezzi degli immobili, nonostante la complicata situazione, non hanno al momento subito particolari variazioni.

Crisi nera. Secondo un’indagine di Confcommercio, il 20% degli imprenditori dopo il lockdown si è visto proporre l’acquisto delle proprie attività ad un prezzo stracciato, mentre il 47% degli intervistati ha raccontato di offerte fuori mercato fatte ad alcuni colleghi.

Da chi arrivano queste sospette offerte? Potrebbe esserci lo zampino della criminalità organizzata pronta a cogliere le occasioni commerciali generate dalla pandemia. Il pericolo è concreto e molti titolari potrebbero essere tentati a cedere i propri locali ad acquirenti poco trasparenti, gli unici ad avere a disposizione liquidità sostanziose.

Milano bar criminalità

A confermare tale ipotesi anche Alessandra Dolci, coordinatrice della Direzione distrettuale antimafia di Milano. «Nel periodo pandemico registriamo un interesse ancora maggiore nei confronti di questo settore – ha spiegato -, ma quello che osserviamo non è tanto il tentativo di riciclare i proventi di attività illecite, bensì di rilevare praticamente a costo zero gli esercizi commerciali in sofferenza. Le ragioni sono legate al reinvestimento, darsi una parvenza di attività lecita, crearsi una rete relazionale, segnare il territorio. Un esempio è quello della ‘ndrangheta, che laddove è particolarmente presente e pervasiva, usa i locali anche in una logica di controllo del territorio».

 

In breve

Milano, per la festa della donna occhio agli scioperi

Sarà una festa della donna probabilmente in zona rossa a Milano. Ma anche con uno sciopero generale proclamato per...