13.4 C
Milano
29. 03. 2023 12:54

Milano, l’ex Telecom si trasforma: il nuovo progetto nato dalla mente geniale di Kjetil Thorsen

La vecchia sede della Telecom tornerà a vivere in una nuova veste: tutti i dettagli del progetto

Più letti

A Milano è sbarcato l’impronunciabile Snøhetta, studio di architettura norvegese, al quale è stata affidata la realizzazione di un nuovo tassello nell’opera di riqualificazione di Porta Nuova. Dopo Gioia 22 e il Pirellino, sorgerà anche il nuovo “P35”, ovvero il restyling dell’ex Telecom tra via Melchiorre Gioia e via Bordoni.

Il progetto. Gli architetti norvegesi hanno un curriculum di tutto rispetto: sui loro disegni è stata realizzata la Bibliotheca Alexandrina in Egitto e il nuovo volto di Times square a New York.

«A Milano c’è l’occasione di ripensare l’esistente in maniera diversa da altre città italiane — spiega Kjetil Thorsen,fondatore di Snøhetta—: è un hub del design, della modernità, un ponte sempre teso tra il passato e il futuro. Noi abbiamo profonde radici nell’architettura europee e non passa giorno nella nostra sede di Oslo in cui l’attività non sia segnata dall’eredità italiana del design. Era un percorso naturale quello di lavorare un giorno qui, e sono contento di averlo fatto con degli architetti italiani, credo con reciproco contributo. Non ci sono archistar, ma professionisti che devono comprendere i contesti».

ex telecom via melchiorre gioia milano

Il progetto “P35” si pone l’obiettivo di collegare l’isolato al resto della città verso la Biblioteca degli alberi oltre Gioia, verso via Pirelli e verso le ex Varesine, rendendo di pubblico accesso passaggi e corti interne dell’edificio, negli anni frequentati soltanto dai lavoratori.  Tra ponti, saliscendi e demolizioni si creeranno percorsi urbani che – parola di Thorsen – «come un corso d’acqua si muoveranno intorno all’edificio».

Il disegno manterrà fede all’impostazione architettonica della struttura, ma la tradurrà nella contemporaneità. Il progetto giovedì scorso è stato approvato dalla commissione paesaggio, ma come affermato dallo stesso Thorsen, le sue specificità «non sono visibili dai rendering». Comunque assicura che «una volta realizzato parlerà da solo».

 

 

In breve

FantaMunicipio #26: programmazione prima di tutto per le opere pubbliche

Il Piano Triennale delle Opere Pubbliche è lo strumento con cui Comune e Municipi individuano gli interventi prioritari e...
A2A