20 C
Milano
22. 09. 2021 12:43

A Milano lunghe code per visitare il nuovo Museo delle Illusioni

A Milano è subito successo per il nuovo Museo delle Illusioni

Più letti

In un mondo sempre più disincantato, il nuovo Museo delle Illusioni aperto poche settimane fa a Milano, prova a riportare tra le persone un po’ di meraviglia: a due passi dalla stazione Centrale due piani dedicati alla “magia”.

Il successo del Museo delle Illusioni

Il museo ha aperto per la precisione in via Settembrini 11, dove un tempo c’erano le vecchie sale cinematografiche del Pathé. Lo spazio di Milano è una costola dei 33 musei aperti in tutto il da Roko Zivkovic che inaugurò con enorme successo il primo a Zagabria nel 2015.

L’ultimo weekend è stato caratterizzato da lunghissime code – anche un’ora e mezza per riuscire ad entrare – per poter rimanere esterrefatti dalle “magie” proposte. Già all’ingresso il palazzo si presenta come un qualcosa di estremamente bizzarro: un piccolo castello in mattoni decorato con facce mostruose e mosaici. Un preludio perfetto per anticipare al visitatore ciò che lo attenderà all’interno.

Scherzi ottici che sfidano la mente

Una volta entrati i quadri mettono a dura prova il cervello: scherzi ottici che distorgono la visione della realtà. Ecco così triangolo di Penrose o “triangolo impossibile”, che appare tridimensionale ma non può essere costruito nello spazio perché le sue linee hanno prospettive incompatibili, e le scatole di Shepard che sembrano diverse per dimensioni, ma non lo sono.

Tuttavia la parte più apprezzata dai visitatori è quella delle stanze. C’è quella dell’illusione della sedie, dove la prospettiva fa apparire piccolissimo chi si siede su una sedia gigante. In’un altra stanza è invece apparire in verticale sopra una panchina grazie all’effetto anti-gravità. Gettonissima anche la testa sul vassoio resa possibile grazie ad un gioco di specchi. Rimanendo in tema di specchi è anche imperdibile la stanza in cui è possibile farsi immortale mentre si gioca a carte con 5-6 se stessi.

Ovviamente tutte le stanze sono state studiate per essere instagrammabili con tanto di indicazioni dove posizionarsi per ottenere lo scatto migliore. Non a caso ad essere in coda sotto al sole, più che gli appassionati di scienza, ci sono tanti aspiranti influencer di oggi e domani pronti a pagare un biglietto da 18 euro per un’ora e mezza di visita.

In breve

A Milano si respira già aria di Natale: inaugurato il Christmas Store di Vidas

A Milano si respira già aria di Natale. Ieri è stato inaugurato in Corso Garibaldi 40, il Christmas Store...