17.9 C
Milano
27. 02. 2021 17:11

Milano, la fame di cultura si fa sentire: folla per la riapertura delle Gallerie d’Italia

Lunghe code questa mattina davanti alle Gallerie d'Italia: le immagini

Più letti

M4, ci siamo: ecco quando verrà inaugurata la fermata di Linate

Le gallerie della M4 sono terminate e molte delle fermate sono già ultimate. Tra queste, come dimostrano le immagini...

Scuola, Gismondo: «È un bene primario essenziale, non togliamogliela»

Il primo segnale dell'aumento dei contagi in Lombardia sono state proprio le scuole. Nel giro di due settimane i...

Vaccini, Bertolaso: «La coperta non è corta: è un fazzoletto»

Nella corsa contro il tempo per vaccinare più persone possibili, Guido Bertolaso è fermamente convinto che dopo gli over...

Le Gallerie d’Italia hanno riaperto come promesso. Lo hanno fatto con la mostra “Tiepolo, Venezia, Milano, l’Europa», prorogata fino al 2 maggio proprio per l’emergenza Covid. Il pubblico non si è fatto attendere e fin dalle prime ore del mattino si è messo pazientemente in coda per saziare la propria fame di cultura.

La situazione. In tantissimi hanno scelto di prenotare nel giorno d’esordio: gli ingressi sono scaglionati su fasce orarie e prima di entrare viene controllata la temperatura con il termoscanner.

L’esposizione non prevede solo il fantastico Tiepolo, ma è possibile visitare anche la mostra “Ma noi ricostruiremo. La Milano bombardata del 1943 nell’Archivio Publifoto Intesa Sanpaolo'” a cura di Mario Calabresi, anch’essa prorogata, stavolta fino al 16 maggio 2021.

Il percorso fotografico è particolarmente suggestivo. Le immagini della città bombardata vengono messi a confronto con gli stessi luoghi immortalati durante il lockdown dell’inverno 2020.

In breve

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...