20 C
Milano
18. 05. 2022 09:38

Milano, inaugurato Selvanesco 77: la vecchia cartiera si trasforma in un complesso “fatto di poesia”

Selvanesco 77 rappresenta un nuovo modo di vivere la periferia: ecco come è stata trasformata la vecchia cartiera di Gratosoglio

Più letti

È stato inaugurato “Selvanesco 77“, il complesso residenziale di nuova concezione a Gratosoglio, nella periferia sud di Milano, nato da un’importante opera di riqualificazione di una ex cartiera ottocentesca, trasformata oggi in luogo abitativo e di aggregazione ma che ne mantiene intatta tutta la sua storia.

Selvanesco 77, un nuovo modo di abitare le periferie

Nel nuovo complesso residenziale saranno accolte 60 famiglie. Il progetto è stato realizzato da Sparim, società del gruppo bancario altoatesino Sparkasse.

«Il progetto di Selvanesco 77 è nato con l’idea di sviluppare un nuovo concetto dell’abitare a Milano e nelle sue periferie – dichiara Ferruccio Ravelli, Direttore Sparim -. Sotto la direzione dell’architetto Luigi Marchetti, di LMA Architettura, desideravamo trasformare, ridisegnare e integrare nel tessuto urbano uno spazio storico, una volta utilizzato per la produzione della carta. Il progetto ha quindi visto una riqualificazione attenta dell’edificio originario e la creazione di spazi comuni che favoriscono la socialità».

Rinascita è la parola d’ordine dietro a questo progetto che riunisce in sé cultura, arte, architettura sostenibile e un nuovo modo di vivere la socialità. L’anima artistica è data dal poeta di strada e writer Ivan Tresoldi che con la poesia, la parola e il colore ha decorato alcune delle aree comuni e delle facciate delle abitazioni raccontando gli spazi e il nuovo modo di viverli. Un intervento unico nel suo genere che unisce la memoria passata di via Selvanesco con i nuovi abitanti della comunità, evidenziando in modo inaspettato le funzioni dello stabile come ingressi, scale, aree comuni.

Selvanesco 77 oltre a essere un polo abitativo sarà anche un punto di aggregazione, grazie alla presenza del Teatro PimOff che garantirà agli abitanti del quartiere un’offerta artistica e culturale costante. «Siamo orgogliosi di ciò che abbiamo creato rispondendo alla domanda di nuovi servizi da parte dei cittadini milanesi, volti a migliorare la vita delle famiglie in un’ottica di smart city, con spazi verdi, coworking, servizi evoluti di portineria e bassi consumi energetici», ha concluso Ravelli.

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...