4.9 C
Milano
30. 11. 2022 21:44

Nel centro di Milano c’è un reattore nucleare

Al suo interno ci sono ancora 4,5 metri cubi di materiale radioattivo

Più letti

A Milano è presente un reattore nucleare. La notizia può sbalordire molti, ma chi ben conosce la storia del nucleare nel nostro paese non ne sarà così sorpreso. Perché se è vero che il nucleare, soprattutto in Italia, è tema estremamente divisivo e polarizzato, è altrettanto vero che gli italiani hanno detto no al nucleare con due referendum. Ma questo non vuol dire che non ce ne sia traccia in Italia, anzi. La notizia è riportata dall’università di Padova con un articolo nel suo blog.

La storia del nucleare a Milano 

Fino a quarant’anni fa nell’area del Politecnico, a pochi passi da quel poco che rimane dei piccoli giardini di via Bassini, più o meno dove ora c’è il cantiere per la realizzazione della nuova sede del dipartimento di chimica del politecnico di Milano, era infatti ancora attivo il reattore L-54M. La zona è quella di Città Studi e dal 1958 c’è la sede del CeSNEF, cioè del Centro Studi Nucleari Enrico Fermi. Il reattore nucleare è stato costruito proprio in quegli anni. Di fabbricazione statunitense, realizzato dalla North American Aviation, è stato il primo reattore di ricerca installato in un’università italiana.

Reattore nucleare a Milano
Reattore nucleare a Milano

Il reattore nucleare L-54M “Enrico Fermi” a Milano

Dotato di una control room le cui foto si possono vedere nel museo virtuale del Politecnico di Milano, il “L-54 Enrico Fermi” era un piccolo reattore nucleare termico omogeneo gestito dal CeSNEF. Fu costruito proprio tra il 1958 e il 1960, con l’inaugurazione ufficiale avvenuta il 29 del 1960. Il reattore aveva una potenza di 50 Kw e rimase in funzione fino al 1979, quando fu spento. Oggi nel reattore ci sono ancora 4,5 metri cubi di materiale radioattivo mentre il grosso dei rifiuti è stato rimosso nel 1994. 

I rifiuti presenti nel reattore L-54 Enrico Fermi di Milano

Oggi quindi, il reattore è ancora presente. È situato in un anonimo edificio di cemento armato tra gli alberi di Piazza Leonardo Da Vinci, dove quotidianamente migliaia di ignari studenti e studentesse passano le giornate studiando e vivendo il Politecnico di Milano. Il reattore è sorvegliato e nel 2015 Nucleco ha effettuato le operazioni di caratterizzazione radiologica, confezionamento e messa in sicurezza dei materiali contaminati e la rimozione delle sorgenti radioattive per il successivo decommissioning del reattore L54M “Enrico Fermi”. Nel corso del 2020 poi, è proseguito anche l’iter autorizzativo per la disattivazione del reattore stesso ed è stato aperto un bando per un assegno di ricerca che come titolo del progetto aveva proprio il “Decommissioning del reattore nucleare di ricerca L-54M, realizzazione della Fase 1 di smantellamento e preparazione delle fasi successive”.

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...