La tradizione è per tutti, a Milano panettone “sospeso” in nove pasticcerie

panettone “sospeso”
panettone “sospeso”

Fino al 22 dicembre in nove pasticcerie di Milano si può lasciare un panettone “sospeso” per chi non ha la possibilità di comprarne uno. L’iniziativa solidale, promossa dall’Associazione Panettone Sospeso ETS, si prefigge di raccogliere e donare panettoni a persone in stato di indigenza, affinché possano celebrare il Natale con il dolce della tradizione.

 

Nei negozi associati (identificati da un’apposita vetrofania con il logo dell’associazione) sarà possibile lasciare un panettone da un chilo “in attesa” di essere donato a chi è meno fortunato. Per ogni panettone acquistato e lasciato “in sospeso”, le pasticcerie ne aggiungeranno uno, raddoppiando così la donazione effettiva. Al termine della raccolta, prima di Natale, i “panettoni sospesi” verranno consegnati a “Casa Jannacci”, la Casa dell’Accoglienza del Comune in viale Ortles.

Aderiscono le pasticcerie Alvin’s (via Melchiorre Gioia 141), Davide Longoni (via Gerolamo Tiraboschi 19 e presso il Mercato del Suffragio in piazza Santa Maria del Suffragio), Giacomo, (via Sottocorno 5), Massimo 1970 (via Ripamonti 5), Moriondo (via Marghera 10), San Gregorio (via San Gregorio 1), Sant Ambroeus (corso Matteotti 7), Ungaro (via Ronchi 39), Vergani (via Mercadante 17 e corso di Porta Romana 51). Per scoprire come donare e per tutte le informazioni panettonesospeso.org.


www.mitomorrow.it