pronto soccorso
pronto soccorso

Ridurre il sovraffollamento dei Pronto Soccorso nel periodo invernale. Regione Lombardia stanzia 4 milioni di euro per potenziare le attività negli ospedali, presi d’assalto con il freddo e, di conseguenza, con l’aumento della diffusione delle epidemie influenzali.

IL PERIODO • «Ancora una volta – ha spiegato l’assessore regionale Giulio Gallera – Regione mette al primo posto le esigenze dei cittadini, investendo risorse importanti per migliorare l’offerta dei servizi. Dal 1 dicembre al 31 marzo 2019 tutte le strutture dotate di Pronto Soccorso potranno utilizzare i 4 milioni di euro messi a disposizione da Regione Lombardia per ampliare il numero di posti letto a disposizione per la degenza. Potranno, inoltre, nel rispetto della normativa vigente in materia, incrementare il personale sanitario necessario per far fronte a un maggior carico di lavoro». «Questo provvedimento – ha sottolineato Gallera – ci permetterà innanzitutto di ridurre i tempi di permanenza dell’utenza in attesa di ricovero. Permetterà inoltre di evitare che il personale dedicato all’emergenza-urgenza svolga un’attività assistenziale aggiuntiva e non specifica, che comporta un importante sovraccarico lavorativo ed eviterà che, a cascata, si producano ritardi nell’accoglienza e nella gestione dei nuovi arrivi in PS».

IN CITTA’ • Il temporaneo ampliamento dei posti letto riguarderà infatti tutte le strutture pubbliche e private accreditate sede di Pronto Soccorso e Dipartimento di Emergenza Urgenza e Accettazione (DEA), subacuti attraverso la messa a disposizione dei posti letto per subacuti. Riguarderà inoltre tutte le strutture accreditate, sia pubbliche che private, attraverso l’attivazione di convenzioni con strutture sanitarie e unità d’offerta sociosanitarie di RSA o cure intermedie che convertano temporaneamente parte dei posti accreditati in degenze. In base all’analisi dell’attività del periodo invernale 2017-18, l’Ats Milano potrà disporre di oltre 1,4 milioni di euro di risorse regionali.