progetto rogoredo
progetto rogoredo

Un presidio socio-sanitario quotidiano nel “Boschetto”: è il “Progetto Rogoredo” avviato da istituzioni, operatori pubblici e privato sociale, forze dell’ordine con l’obiettivo di strappare molti giovani al consumo degli stupefacenti provando ad agganciarli per proporre loro alcune prospettive di recupero e fornendo una prima assistenza sanitaria.

In particolare, è prevista la presenza per sei ore al giorno, tutta la settimana, di un mezzo mobile attrezzato per il primo soccorso e per piccoli interventi sanitari e un team composto da quattro operatori (sociali e sanitari di Croce Rossa, Comunità Nuova e Cooperativa lotta contro l’emarginazione). Si tratta di un vero e proprio esperimento per integrare con risorse e attività “straordinarie” il sistema ordinario (Sert delle Asst, Smi, Comunità accreditate) di intervento e presa in carico presente a livello territoriale.

Nel mese di febbraio sarà prestata grande attenzione all’osservazione sistematica di ciò che accade nell’area e nel territorio limitrofo, delle tipologie di domanda e di bisogno rivolta agli operatori e ai servizi. Il progetto prevede una serie di azioni mirate di rafforzamento delle attività di prevenzione rivolte all’intera popolazione, con l’obiettivo di sensibilizzare, coinvolgere e attivare in modo positivo le scuole, l’associazionismo, la cittadinanza in programmi e interventi preventivi capaci di contrastare efficacemente la diffusione e la normalizzazione del consumo di sostanze.


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/