3.2 C
Milano
01. 12. 2022 01:50

Regionali Lombardia, Fontana e Moratti ai ferri corti: «Il rapporto si è incrinato»

La questione adesso è nelle mani dei leader nazionali della coalizione che dovranno occuparsene non appena formato il nuovo governo

Più letti

Regionali Lombardia, si infiamma lo scontro tra l’attuale presidente Attilio FontanaLetizia Moratti, la vice che l’anno prossimo vorrebbe candidarsi al suo posto a governare la Regione. Non c’è ancora una rottura definitiva e la Moratti mantiene le deleghe, almeno per il momento, ma il rapporto «si è incrinato», ha spiegato il governatore. La questione adesso è nelle mani dei leader nazionali della coalizione che dovranno occuparsene non appena formato il nuovo governo.

Le dichiarazioni di Fontana

«Ho evidenziato alla vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti, in maniera chiara e inequivocabile, che il nostro rapporto fiduciario, sul piano del posizionamento politico, si è incrinato. Ciò nonostante – ha sottolineato Fontana -, essendo io il garante della coalizione in Lombardia e per senso di responsabilità rispetto al momento politico nazionale che stiamo vivendo, mi riservo di prendere una decisione definitiva dopo un confronto con i leader» nazionali.

Attilio fontana

Regionali Lombardia: tra promesse e smentite

A far alzare la tensione è stata l’intervista rilasciata da Letizia Moratti. L’ex ministro, ex sindaco di Milano e presidente Rai aveva già annunciato la disponibilità a correre per il centrodestra. Però è andata oltre, ha ribadito che il passaggio di testimone le era stato promesso quando aveva accettato di diventare assessore al Welfare in piena emergenza pandemica, e soprattutto ha spiegato di essere «in campo con una rete civica». Dopo la secca smentita da parte di Fontana sulla promessa di una staffetta a guida del Pirellone, il governatore l’ha convocata per «chiarire».

Lega compatta con il governatore

Detto in altro modo, Moratti non può stare in giunta se è disposta a correre contro il centrodestra con la sua lista, casomai con l’appoggio del terzo polo. L’incontro Moratti-Fontana è durato poco più di mezz’ora e ha cristallizzato le posizioni di entrambi, passando la palla ai leader della coalizione. La Lega fa quadrato sul suo uomo e Matteo Salvini nel suo incontro con Silvio Berlusconi avrebbe chiesto al leader di Fi di fare fronte comune per difendere Fontana e arginare in qualche modo Moratti. Ma ancora dalla coalizione non è arrivata una investitura ufficiale.

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...