15.6 C
Milano
22. 10. 2021 13:58

A Soncino è guerra alla lingua inglese: le parole straniere bandite dagli atti pubblici

Nel paese in provincia di Cremona al bando l'utilizzo delle parole stranieri: la mozione presentata in Comune

Più letti

«Chissà perché dobbiamo sempre usare tutte queste parole inglesi?», si era interrotto così durante una conferenza dello scorso 12 marzo il premier Mario Draghi. Detto, fatto: la presidente del Consiglio comunale di Soncino in provincia di Cremona, la pasionaria di Fratelli d’Italia, Federica Brizio, ha colto il suggerimento per presentare una mozione con oggetto “Dante e la lingua italiana”.

Nel testo la presidente muove a guerra alla lingua inglese, o secondo le sue parole «all’abuso che se ne fa negli atti pubblici». A maggior ragione quest’anno ricorrere il settimo centenario della morte di dante, motivo in più per tutelare la lingua italia.

La mozione: al bando la lingua inglese dagli atti pubblici

Grazie al sostegno dei suoi colleghi del centrodestra la mozione è stata approvata. «Usiamo tanto la lingua inglese, quando in italiano c’è la parola che corrisponde perfettamente – ha dichiarato soddisfatta Brizio -. Al posto di budget c’è “bilancio preventivo”. Party? Meglio “feste o sagre”, Brainstorming? Utilizzeremo “scambio di idee”. Smartphone? “Telefono”. E al posto di lockdown il più comprensibile “chiusura”. Altrimenti complichiamo la vita i nostri anziani».

soncino lingua inglese
A Soncino è guerra alla lingua inglese

Tuttavia la presidente non vuole che la sua proposta passi come una guerra alle lingue straniere. «È giusto che i ragazzi conoscano le lingue perché significa conoscere la storia – ha aggiunto Brizio -, la cultura di quel Paese. Non sono contro la globalizzazione, ma l’italiano è l’italiano. È come se noi avessimo un bel monumento senza farne manutenzione. Un monumento che giorno dopo giorno si rovina. Dante non possiamo mandarlo in pezzi».

E al chi l’accusa di nazionalismo risponde: «La minoranza l’ha messa come se fosse una forma di nazionalismo per il partito che io rappresento. Non è così. La mozione è nata da un principio: l’importanza della cultura. La cultura non è né di destra né di sinistra, è patrimonio di tutti».

In breve

Tuttofood, svolta green e salutista per il cibo a Rho

C’è tutta l’Italia culinaria a Tuttofood, in corso alla Fiera di Milano a Rho, che in questa edizione cerca...