22.9 C
Milano
14. 07. 2024 01:03

Il Teatro Arcimboldi diventa cashless: addio ai contanti

I biglietti per gli spettacoli teatrali, il guardaroba e il bar ora si possono pagare solo con bancomat o carte di credito

Più letti

Il Teatro Arcimboldi è primo teatro in Italia a diventare completamente cashless: da questo momento in poi infatti saranno accettati solamente pagamenti digitali. L’iniziativa, nata e sviluppata con Nexi, ha uno scopo ben preciso: fare un’azione concreta per aiutare il nostro ambiente e ridurre sprechi e inquinamento.

Il Teatro Arcimboldi è cashless: l’iniziativa

Il Teatro Arcimboldi di Milano, situato in via dell’Innovazione, nel mezzo del quartiere Bicocca, ha deciso di rifiutare i pagamenti in contanti con l’obiettivo di raggiungere la neutralità carbonica il 2035. E così il teatro meneghino si impegna a coinvolgere fornitori, stakeholders e pubblico per essere un esempio virtuoso e per poter motivare altre realtà ad intraprendere questo imprescindibile percorso.

Il Teatro Arcimboldi – noto anche con il nome TAM – dimostra così di essere all’avanguardia ed attento alla sostenibilità e all’innovazione. Il progetto in collaborazione con Nexi prende ufficialmente il via dalla prossima stagione. Il teatro abbandona il denaro contante e si trasforma nel primo cashless d’Italia.

Le tre parole di oggi? Scoprile in newsletter!

Teatro Arcimboldi
Teatro Arcimboldi Milano

Ciò vuol dire dunque i biglietti per gli spettacoli teatrali, sia il guardaroba, sia il bar, si possono pagare solo con bancomat o carte di credito. A renderlo possibile è la società Nexi, la quale ha già fornito l’impianto tecnologico necessario e tutti i device. E non è finita qui. Il Teatro Arcimboldi di Milano vuole estendere questa stessa iniziativa ai vari partner che gestiscono i servizi all’interno.

Nexi: «L’accordo con teatro Arcimboldi non è l’unico»

«Il nostro obiettivo è accompagnare la pubblica amministrazione, le imprese e gli esercenti con servizi innovativi capaci di rendere l’esperienza di acquisto più semplice, integrando sempre più il canale fisico con quello online: lo facciamo tramite i pagamenti digitali che garantiscono a tutta la comunità benefici in termini di velocità, sicurezza e comodità». Lo ha affermato Erika Fattori, Brand & Communication Director di NexiGroup.

«L’accordo con TAM va in questa direzione e ci consente di affiancare il teatro nel percorso di trasformazione del proprio business, così come abbiamo già fatto col BASE e con L’ADI Design Museum di Milano».

In breve

FantaMunicipio #38: mai come quest’anno Milano da numero uno, vince il Municipio 1

In una agguerrita edizione del FantaMunicipio è il Municipio 1, quello del centro storico, guidato dal presidente Mattia Abdu...