8.2 C
Milano
28. 11. 2022 18:22

Trenord, ruote consumate a causa di una rotaia: ritirati 35 treni

Problema fra Dateo e Porta Vittoria, perizia affidata al Politecnico

Più letti

È una rotaia «fortemente usurata» fra le fermate del Passante di Milano di Dateo e Porta Vittoria la causa dell’anomala usura delle ruote dei convogli che ha costretto Trenord a ritirare nelle ultime settimane 35 treni dal servizio. Il giorno dopo la modifica della circolazione delle linee suburbane all’interno del passante, dalla società che gestisce il servizio ferroviario regionale spiegano che «i tecnici e gli ingegneri di Trenord considerano tale tratto incompatibile con il passaggio dei treni all’interno del Passante Ferroviario di Milano».

Trenord: «Circolazione interrotta per sicurezza dei viaggiatori»

Non si tratta dunque secondo la società di un problema di manutenzione: «È impossibile negare che sull’infrastruttura del Passante Ferroviario di Milano le ruote dei treni si consumino molto più del dovuto, diversamente da come avveniva fino a qualche settimana fa. L’azienda deve garantire la sicurezza dei viaggiatori e la salvaguardia dei propri mezzi e per questo motivo – spiega in una nota – ha deciso di interrompere la circolazione dei convogli all’interno del Passante Ferroviario».

Passante Ferroviario di Milano

Consumi 100 volte superiori al normale

Nei treni ritirati dall’esercizio si è registrato «un consumo fino a 100 volte rispetto al normale, con riduzione dello spessore dei bordi di 1 millimetro ogni 1.000 km, contro l’usuale consumo di 1 millimetro ogni 80mila km. Gli interventi di ripristino delle ruote dei convogli interessati sono già iniziati presso i depositi di Milano Fiorenza e Novate Milanese». La società ha incaricato il Politecnico di Milano di redigere una perizia tecnica, mentre «con i tecnici di RFI, si valuteranno gli interventi necessari».

In breve

FantaMunicipio #11: proposte per la città, ripensiamole tutti insieme

Sempre più cittadini si ritrovano in strada per discutere delle problematiche di alcune aree e per cavarne fuori idee...