2.4 C
Milano
06. 12. 2022 08:07

Attenzione ai ladri 2.0

Più letti

Ci sono ladri e ladri. Quelli del 2018 sono 2.0. Sempre più abili e specializzati. In grado di ripulire le case in maniera scientifica. Ecco allora che la Regione Lombardia e l’Associazione degli Amministratori di Condominio (Anaci) lanciano l’allerta con l’avvicinarsi del periodo in cui i milanesi lasciano sempre più le proprie abitazioni per recarsi in vacanza. L’estate, infatti, è un periodo in cui il fenomeno dei furti in casa diventa di stretta attualità.

ACCORGIMENTI • Leonardo Caruso, vicepresidente nazionale di Anaci e presidente milanese dell’associazione (che nell’intera area metropolitana raggruppa oltre 1.400 amministratori), ha illustrato una serie di accortezze considerate spesso scontate ma che, se ben applicate, possono diventare un deterrente contro i furti in appartamento. Il primo riferimento va ai social media: «Evitate di pubblicare notizie o informazioni che diano la possibilità di monitorare spostamenti o pernottamenti lontani da casa. Così come non ostentare immagini di oggetti preziosi o di valore che per il ladro 2.0 diventano indicatori importanti di un bottino appetibile presente in un’abitazione». Dall’assessore alla Sicurezza, Riccardo De Corato, alcune raccomandazioni “tradizionali”: «Ritengo utile evidenziare anche altri accorgimenti più classici condivisi con Anaci, come non fare accumulare la posta nella cassetta delle lettere, chiedendo magari ai vicini di casa di ritirarla; evitare che gli addetti alle pulizie lascino arrotolato lo zerbino; chiudere sempre portoni o cancelli di accesso dalla strada e all’interno delle scale condominiali. In caso di assenze breve lasciare la luce accesa, la radio o il televisore in funzione per simulare la presenza di qualcuno nell’appartamento».

POLIZIA • Ma il consiglio più importante è soprattutto uno: «Se avete qualsiasi dubbio – concludono De Corato e Caruso – chiamate sempre polizia o carabinieri. Meglio una telefonata in più che il rimorso di non aver allertato le forze dell’ordine».

LE SETTE REGOLE D’ORO

· Evitare di pubblicare notizie di spostamenti sui social media.

· Non diffondere immagini sui social di oggetti preziosi.

· Non fare accumulare la posta nella cassetta delle lettere.

· Dire agli addetti alle pulizie di arrotolare lo zerbino.

· Chiudere sempre i cancelli di accesso dalla strada.

· Lasciare accesa luce, radio o tv in caso di spostamenti brevi.

· Nel dubbio, chiamare sempre le forze dell’ordine.

In breve

FantaMunicipio #12: Ied e Politecnico avanti tutta in città

Sono le università come Ied e Politecnico- e i progetti ad esse correlate - a spingere Milano in una...