I dinosauri tornano in città. E lo fanno con la mostra Dinosaur Invasion, in programma da domani al 3 febbraio negli spazi della Fabbrica del Vapore di via Procaccini 4. La rassegna, che mira a raccontare i vecchi dominatori della Terra, coinvolgerà grandi e piccoli immersi in un parco giurassico a grandezza naturale. Già, perché l’esperienza dell’esposizione sarà di grande impatto con una vera e propria invasione di trenta dinosauri a grandezza naturale, da osservare ciascuno nel proprio ambiente, ricreato in diciassette isole scenografate. «La fedeltà della realizzazione di questi animali è una delle caratteristiche più importanti di questa mostra», sottolinea a Mi-Tomorrow il curatore Fabio Di Gioia.

Quali passi sono stati compiuti nello studio di questi giganti?
«La riproduzione dei dinosauri è nettamente migliorata, grazie agli studi paleontologi. Faccio qualche esempio: sul tirannosauro è oggi possibile osservare dettagli, come le posture, non individuati fino a qualche anno fa. Nello spinosauro, invece, la conformazione delle ossa è cambiata proprio grazie alla ricerca».

Quindi è una mostra amata anche dagli esperti?
«Diciamo che ci sono alcune mostre in giro non così aggiornate. Qui i paleontologi ritrovano davvero la realtà».

E piace alle famiglie…
«Fa parte di quella categoria di rassegne che intrattengono ed educano. E’ chiaro che una mostra ha, per carattere, la capacità di attrarre la curiosità su quella che era la vita nel nostro pianeta milioni di anni fa. La spettacolarizzazione di questi giganti, riprodotti il rapporto è 1:1, è un pregio».

Che cosa colpisce di questo pezzo di storia?

«I dinosauri sono percepiti soprattutto dai più piccoli, ma è come se anche i grandi tornassero bambini, riscoprendo il mondo che c’era e che poi è quello dove viviamo e camminiamo ogni giorno. E’ un caso scientifico e come tale incuriosisce».

Un po’ come gli alieni…
«Ci sono questi aspetti. Crediamo che esista una specie aliena e poi troviamo il disco volante, rimanendone affascinati. Nei dinosauri c’è questo aspetto e nei secoli abbiamo ritrovato ossa, dettagli di organi, piccoli dettagli che permettono di ricostruire quel mondo lontano. Anche questo è un mondo alieno, di cui c’è traccia reale».

Milano è il contesto ideale per questo tipo di mostra?

«La città è molto viva dal punto di vista dello studio e della cultura scientifica. C’è un museo civico di storia naturale che ha due sezioni di paleontologia con collezioni molto interessanti. La mostra sicuramente attrarrà tanti visitatori che possono qui continuare a documentarsi grazie ai reperti custoditi in corso Venezia».

Ci sarà un seguito?

«Vorremmo utilizzare la notorietà della mostra per poi farne un totem scientifico con un percorso di workshop e approfondimenti».

Giganti ricreati anche nei movimenti
Le narrazioni sono curate da Alessandro Cecchi Paone

Tutte le creature, infatti, sono state progettate e costruite sulla base delle indicazioni di un team di paleontologi professionisti grazie ai quali è stato possibile riprodurre i dinosauri a grandezza naturale con massima precisione non solo nell’aspetto, ma anche nei movimenti, fedeli al loro comportamento in natura. La visita avrà una durata di circa un’ora e ci sarà la possibilità di utilizzare anche delle audio/video guide interattive con le narrazioni di Alessandro Cecchi Paone per scoprire al meglio questi animali meravigliosi e misteriosi, da quelli più conosciuti come il Tyrannosaurus Rex – lungo ben 12 metri e alto 9 metri – a quelli meno conosciuti, ma fondamentali per capire la loro evoluzione e i motivi dell’estinzione. PDR

DINOSAUR INVASION

Da 12 ottobre al 3 febbraio 2019

Fabbrica del Vapore

Via Procaccini 4, Milano

 

BIGLIETTI

Biglietti interi da 13€

Biglietti ridotti da 10€

Biglietti famiglia 4 persone 40€

Biglietti famiglia 5 persone 48€

 

ORARI DI APERTURA

Dal martedì alla domenica dalle 10.00 alle 19.30

Dall’8 dicembre al 6 gennaio aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.30

dinosaurimilano.it