29.1 C
Milano
Gio, 09 Lug 2020 15:51:44

Green Living, un quartiere a prova di lockdown in via Gallarate

La società Vitofin sta raccogliendo attraverso una campagna di crowfunding i fondi per realizzare un complesso residenziale a prova di lockdown a Milano

Più letti

Milano, presidio lavoratori H&M: «Ci obbligano a trasferirci. È solo un pretesto»

I lavoratori di H&M di Milano sono pronti nuovamente a dar battaglia all'azienda. Al centro della protesta la chiusura...

Milano, riaprono le discoteche: «Una sorta di ritorno al night anni ’60»

L'ora "X" è scattata: domani riaprono finalmente le discoteche. Finalmente si potrà tornare a ballare, ma solo a determinate...

Piazzale Baiamonti, abbattuto l’anfiteatro degli artisti di strada: scontro aperto tra ambientalisti e Palazzo Marino

Si aggiunge un altro episodio alla vicenda del piazzale Baiamonti. Nei giorni scorsi un blitz con tanto di bulldozer...

In via Gallarate 311 prenderà forma un piccolo quartiere a prova di “lockdown“. Il progetto è stato realizzato tenendo in considerazione tutte le esigenze emerse durante i mesi passati forzatamente in casa: dalla possibilità di usufruire di aree verdi fino all’accesso ai servizi fondamentali.

Il progetto. Il complesso sarà realizzato dalla milanese Vitofin – società attiva nel campo immobiliare dal 1980 – e prenderà il nome di G311-Green living. Lo spazio di via Gallarate sarà caratterizzato da due palazzi di 8 piani costituiti da un totale di 71 appartamenti. Gli spazi saranno realizzati secondo le esigenze abitative sorte durante il lockdown: ampie metrature, grandi terrazzi e aree verdi.

Il progetto G311-Green living offrirà ai residenti numerosi servizi a valore aggiunto – strumenti per la gestione e prenotazione degli spazi comuni e per l’amministrazione di condominio – e  la possibilità di godere di una grande quantità di spazi comuni attrezzati, lounge, fitness e tanto altro.

Crowfunding. I fondi per realizzare il complesso vengono raccolti attraverso la piattaforma di equity crowfunding Mamacrowd. Online dal 21 maggio, si tratta della più grande campagna mai realizzata in Italia: punta a raccogliere fino a 4,4  milioni, e in meno di 24 ore il progetto ha già totalizzato adesioni per oltre 1 milione di euro.

 

 

 

In breve

Milano, presidio lavoratori H&M: «Ci obbligano a trasferirci. È solo un pretesto»

I lavoratori di H&M di Milano sono pronti nuovamente a dar battaglia all'azienda. Al centro della protesta la chiusura...

Milano, riaprono le discoteche: «Una sorta di ritorno al night anni ’60»

L'ora "X" è scattata: domani riaprono finalmente le discoteche. Finalmente si potrà tornare a ballare, ma solo a determinate condizioni. In primis, i locali...

Piazzale Baiamonti, abbattuto l’anfiteatro degli artisti di strada: scontro aperto tra ambientalisti e Palazzo Marino

Si aggiunge un altro episodio alla vicenda del piazzale Baiamonti. Nei giorni scorsi un blitz con tanto di bulldozer ha distrutto l'anfiteatro costruito dagli...

Attenzione alla nuova truffa: un falso sms di Findomestic come “cavallo di Troia”

L'ultima frontiera delle truffe si chiama social engineering, uno dei modi più subdoli per raggirare i poveri malcapitati. Un sms riportante «Come da sua...

“Caso camici”, la GdF indaga sul cognato di Fontana e sull’azienda regionale “Aria”

Alcune settimane fa il "caso camici", emerso durante un'inchiesta della trasmissione "Report" era balzato all'onore delle cronache per il coinvolgimento della moglie e del...

Potrebbe interessarti