29.1 C
Milano
Gio, 09 Lug 2020 15:22:17

Non è ancora tempo di volare a Linate

L'aeroporto di Linate resterà ancora chiuso fino al 14 giugno, ma l'apertura potrebbe slittare a data da destinarsi per alcuni problemi logistici

Più letti

Milano, presidio lavoratori H&M: «Ci obbligano a trasferirci. È solo un pretesto»

I lavoratori di H&M di Milano sono pronti nuovamente a dar battaglia all'azienda. Al centro della protesta la chiusura...

Milano, riaprono le discoteche: «Una sorta di ritorno al night anni ’60»

L'ora "X" è scattata: domani riaprono finalmente le discoteche. Finalmente si potrà tornare a ballare, ma solo a determinate...

Piazzale Baiamonti, abbattuto l’anfiteatro degli artisti di strada: scontro aperto tra ambientalisti e Palazzo Marino

Si aggiunge un altro episodio alla vicenda del piazzale Baiamonti. Nei giorni scorsi un blitz con tanto di bulldozer...

L’aeroporto milanese di Linate resterà ancora chiuso, almeno fino al 14 giugno. Tuttavia i voli riprenderanno probabilmente solo dopo l’estate, almeno fino a quando le compagnie non ripristineranno un numero sufficiente di voli.

Decreto dopo decreto. Nel tardo pomeriggio di ieri il Ministero delle Infrastrutture, in accordo con il Ministero della Salute, ha emesso un documento contenente la lista dei 24 scali che potranno ripristinare il servizio dopo la chiusura dovuta all’esplosione della pandemia. Tra questi non è presente il city airport milanese.

La storia dell’aeroporto durante l’epidemia è stata altalenante. Il 12 marzo un decreto aveva disposto la chiusura di tutti gli hub aeroportuali. Il 5 maggio invece, una nuova disposizione ministeriale aveva permesso la riapertura di Orio al Serio e Linate. Ciò nonostante sopra il Forlanini non si è visto alcun aereo solcare il cielo: le compagnie non erano state avvertire in tempo. Il 17 maggio infine un ulteriore decreto aveva tolto lo scalo milanese dalla lista degli aeroporti aperti al pubblico.

Problemi di spazio. L’impianto cittadino presenta alcune difficoltà logistiche. La struttura si sviluppa su una metratura limitata che non prevederebbe il rispetto del distanziamento sociale in maniera agevole. Si corre il rischio di provocare imbottigliamenti nelle aree a maggior rischio di contatto, ovvero check-in, metal detector e gli imbarchi.

A tutto ciò si aggiunge anche un problema legato alle dimensioni della pista. L’idea di dirottare alcuni voli da Malpensa su Linate è impraticabile, in quanto la pista è troppo corta per accogliere gli atterraggi di voli cargo ed intercontinentali che sfruttano velivoli più grandi. Insomma, il futuro di Linate è ancora tutto da definire.

In breve

Milano, presidio lavoratori H&M: «Ci obbligano a trasferirci. È solo un pretesto»

I lavoratori di H&M di Milano sono pronti nuovamente a dar battaglia all'azienda. Al centro della protesta la chiusura...

Milano, riaprono le discoteche: «Una sorta di ritorno al night anni ’60»

L'ora "X" è scattata: domani riaprono finalmente le discoteche. Finalmente si potrà tornare a ballare, ma solo a determinate condizioni. In primis, i locali...

Piazzale Baiamonti, abbattuto l’anfiteatro degli artisti di strada: scontro aperto tra ambientalisti e Palazzo Marino

Si aggiunge un altro episodio alla vicenda del piazzale Baiamonti. Nei giorni scorsi un blitz con tanto di bulldozer ha distrutto l'anfiteatro costruito dagli...

Attenzione alla nuova truffa: un falso sms di Findomestic come “cavallo di Troia”

L'ultima frontiera delle truffe si chiama social engineering, uno dei modi più subdoli per raggirare i poveri malcapitati. Un sms riportante «Come da sua...

“Caso camici”, la GdF indaga sul cognato di Fontana e sull’azienda regionale “Aria”

Alcune settimane fa il "caso camici", emerso durante un'inchiesta della trasmissione "Report" era balzato all'onore delle cronache per il coinvolgimento della moglie e del...

Potrebbe interessarti