20 C
Milano
04. 08. 2021 17:22

Amori estivi, tra arte e architettura sul lago Maggiore

Una gita culturale fuori porta per scoprire le bellezze del Lago Maggiore e le opere dell'artista Matteo Negri

Più letti

Amori estivi, il cui titolo evoca la leggerezza delle passioni e delle vicende romantiche che vengono vissute e si dissolvono nell’arco di una stagione, nasce dall’idea di collocare nella trama urbana lavori in grado di innescare un dialogo con il contesto architettonico della città di Cannobio e con il suggestivo paesaggio naturale del lago Maggiore.

Amori estivi, un’esposizione diffusa lungo il lago

La mostra propone sei opere nel tessuto cittadino che spaziano dalla scultura al manifesto d’artista, dall’installazione site-specific all’intervento sugli arredi urbani. Viene così a delinearsi un percorso che consente di apprezzare le opere passeggiando: un’esposizione diffusa che lega il centro, le corti e il lungolago.

Attraverso queste opere Matteo Negri mira ad analizzare gli aspetti percettivi del colore e delle interazioni tra luce e superficie, grazie all’impiego di materiali come il metallo, il vetro, le pellicole specchianti e iridescenti.

L’obiettivo finale è quello di mettere sullo stesso piano il cittadino, il passante casuale e il visitatore di Cannobio accomunandoli nella condizione di osservatori che si imbattono in qualcosa di inatteso e straniante rispetto all’orizzonte visivo ordinario. Questo ambizioso progetto culturale si inserisce all’interno della promozione del Comune della città di Cannobio.

Un percorso tra arte e architettura

Il progetto prende idealmente inizio presso il Palazzo Mandamentale, per il quale Negri ha realizzato Pensando a Gaudenzio, un’installazione in pvc e pellicole trasparenti che si inseriscono tra il cortile e il colonnato.

L’opera nasce a partire dall’osservazione che, in modo del tutto casuale, la celebre pala d’altare di Gaudenzio Ferrari, conservata presso il Santuario della SS.Pietà a poche centinaia di metri, è perfettamente sovrapponibile con l’architettura lì presente. L’opera permette ai passanti di cogliere dalla strada una nuova vista, in cui la luce del sole si trasforma in una combinazione geometrica di colori.

Il percorso procede con la serie di opere Piano Piano, sculture essenziali e di grandi dimensioni, realizzate in metallo e vetro in parte rivestiti da pellicole specchianti. Questi due lavori sono collocati in una delle corti dei palazzi del centro e nel lungolago, con l’obiettivo di creare un’esperienza visiva nuova e in prima persona grazie alla frammentazione unitaria dello spazio circostante.

Anche in Amori estivi (letture), realizzata rivestendo con dei film colorati le pareti in plexiglas del box destinato al book- crossing, l’artista scompone la visione del contesto del lungolago in lame di blu e giallo trasparenti.

L’ultimo intervento di Negri riguarda gli spazi comunali delle affissioni pubblicitarie: in Cartoline da Saturno l’artista sceglie di mescolarsi al contesto con un’opera visivamente mimetica rispetto al paesaggio urbano. Lo spazio diventa pura immagine con un testo essenziale a margine che riporta i dettagli della mostra e lo si può leggere solo se si è personalmente disposti ad avvicinarsi.

Amori estivi di Matteo Negri
A cura di Daniele Capra
Cannobio (VB)
date: 3 luglio3 ottobre 2021

In breve

Servizi per la socialità, avviso pubblico del Comune per l’ex caserma Mameli

Il Comune vuole trasformare tre ex casermette di via Gregorovius, situate nel complesso dell’ex Caserma Mameli, in un centro...