19 C
Milano
29. 09. 2021 04:49

Autunno in Valtaro: escursioni all’aria aperta, porcini e tartufi

I consigli per weekend tra Liguria e Toscana

Più letti

Luogo incontaminato della provincia di Parma, al confine tra la Liguria e la Toscana, è con l’autunno che l’Alta Valtaro regala il meglio, inaugurando una stagione del gusto fra la bontà delle castagne e il sapore raffinato di funghi e tartufi.

Autunno in Valtaro: escursioni all’aria aperta, porcini e tartufi

Dominata dalle imponenti cime del Molinatico, del Pelpi e del Penna e attraversata dal fiume omonimo, quest’area si presta a immergersi totalmente nei colori e in un ambiente che tra ottobre e novembre è percorso dai profumi dei suoi frutti e dei suoi piatti tradizionali, alla scoperta dell’autenticità di piccoli gioielli panoramici e delizie culinarie, lontano dal turismo di massa, con un’ospitalità dedicata e variegata, che spazia da agriturismi nella natura e autentici bed and breakfast.

En plein air

Per questa meta vicina tanto alla città di Parma quanto alle Cinque Terre, la bicicletta e il camper sono i mezzi ideali per godere dei paesaggi che si succedono, salendo lentamente da Borgo Val di Taro, costeggiando i boschi e il fiume Taro, passando per antichi borghi e grandi spazi verdi, per poi insinuarsi nei comuni di Albareto e Compiano, dominato dal grande castello, e arrivare a Bedonia e Tornolo.

In particolare, montare in sella e spingere sui pedali – o in alternativa affidarsi semplicemente alle proprie gambe, approfittando dei sentieri segnalati CAI e delle escursioni guidate, significa lasciarsi sorprendere da percorsi suggestivi, usufruendo dei diversi servizi di noleggio mountain bike ed e-bike.

In particolare, agli amanti dei frutti del sottobosco sono dedicate quotidiane escursioni per minimo due persone proprio a caccia di porcini e castagne in compagnia di una guida ambientale all’interno di una riserva privata di 75mila mq.

È una camminata semplice tra antiche torbiere, laghetti e resti di abitazioni, tra castagni secolari, alle quali è possibile aggiungere pranzi, cene o pernottamenti in tipiche strutture ricettive. Info su turismovaltaro.it.

Castagne, Alta Valtaro
Castagne, Alta Valtaro

Una pausa di gusto: panigaccerie e ristoranti tipici in zona

La natura e la storia si intrecciano in luoghi dal fascino antico e spesso intatto, caratterizzati da una tradizione culinaria tramandata con orgoglio e disseminata di prodotti eccellenti come il Parmigiano Reggiano di Montagna (acquistabile nel caseificio Porcari Bedonia e in quello sociale Borgotaro o nelle gastronomie dei centri storici), il fungo porcino di Borgotaro IGP (fresco, secco o sott’olio) unico micete in Europa con questa denominazione, il tartufo, soprattutto nell’area di Bedonia, oppure le castagne.

Pranzo e cena. Sono tantissimi i ristoranti sparsi nei cinque comuni dell’alta valle, dove abili chef propongono i piatti tradizionali ma anche interpretazioni personali e moderne. Ad esempio, alla panigacceria nel castello a Compiano si può, su prenotazione, cenare sulle torri; mentre alla trattoria Al Fondo a Borgotaro si fa a gara per gustare i famosi tortelli dello chef Fabio Giulianotti. Ancora, le esperienze gastronomiche della valle vantano i menu degustazione di trota del Taro all’agriturismo La Peschiera della località Boschetto di Albareto o la cena romantica con la cucina gourmet nell’antico Borgo Casale sempre ad Albareto che organizza anche aperitivi in forma di picnic nell’adiacente parco.

Alla scoperta del Parmigiano Reggiano

A Reggio Emilia, porte aperte nei caseifici del prezioso stagionato

Sabato 3 e domenica 4 ottobre torna l’appuntamento con Caseifici Aperti, un’iniziativa che permette di scoprire il metodo di lavorazione artigianale del Parmigiano Reggiano rimasto pressoché immutato da nove secoli con gli stessi ingredienti (latte crudo, sale e caglio) e la stessa cura artigianale di una scelta di produzione del tutto naturale, senza l’uso di additivi.

Il Consorzio del Parmigiano Reggiano apre i cancelli a tutti coloro che vorranno visitare lo storico casellino, conoscere i caseifici presenti, acquistare direttamente dai produttori, degustare il Parmigiano Reggiano e i piatti tipici della tradizione.

Il 3 ottobre dalle 15.00 alle 19.00 e domenica dalle 10.00 alle 19.00, visite guidate al caseificio e al magazzino di stagionatura, spacci aperti, eventi per bambini, mostra degli attrezzi storici e cottura di una forma di parmigiano nel forno a legna. Sul sito parmigianoreggiano.it è disponibile la lista dei caseifici aderenti.

Parmigiano Reggiano
Parmigiano Reggiano

In breve

Bollettino regionale, calano i posti occupati in terapia intensiva: Milano, +56 contagi

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 345 con la percentuale tra tamponi eseguiti (63.638 oggi) e positivi...