Festa di Mura per un tuffo nel Medioevo

A Mura rivivono i fasti e le tradizioni medievali. Nell’antico quartiere di Palazzolo sull’Oglio, in provincia di Brescia è tempo della Festa di Mura o Sagra di San Gerolamo: come tradizione, nella terza settimana di settembre sbandieratori e musici animeranno le vie di questo angolo di città. Quest’anno l’appuntamento è dal 14 al 16 settembre: si parte venerdì sera con la Sfilata dell’araldo che annuncia l’apertura e si conclude la domenica sera con la tradizionale sfilata storica seguita da un grande spettacolo pirotecnico.

Per l’occasione, nella Quadra di Mura verranno ricostruite le antiche porte che consentivano l’entrata nel quartiere che tornerà nel Medioevo con la riapertura delle vecchie locande, la riproposizione di musiche e danze del periodo storico, nei vicoli o nei portoni delle vecchie abitazioni troveranno posto gli artigiani che proporranno dimostrazioni live dei vecchi mestieri.

APPUNTAMENTI • Tanti gli eventi da non perdere: la celebrazione della Battaglia del Ponte fra francesi e russi del 1799 nella serata di sabato, la rievocazione “Donazione della dote alle nubende” secondo antica tradizione, nel pomeriggio della domenica e poi i concerti di musica medioevale, animazione con gruppi folcloristici che trascinano il visitatore in danze e giochi: l’esibizione di sbandieratori, falconieri, arcieri e trampolieri. Infine, giochi d’altri tempi e cantastorie per i più piccoli. La domenica sera invece sarà caratterizzata dalla sfilata, con dame e cavalieri in costume che attorniano il duca e la duchessa.

La Festa di Mura prese il via nel 1936, ma venne sospesa con le avvisaglie della guerra, per poi riprendere tra il 1952 ed il 1954. Poi un lungo silenzio. Rientra in scena un gruppo di tamburini nel 1991, quando un gruppo di volontari, riuniti nel consiglio di S. Girolamo, ripropone la Festa. Col susseguirsi delle edizioni il Gruppo dei Musici si consolida e, nel 2002, si completa con gli Sbandieratori che sono ormai simbolo della manifestazione.

Euro? No, Palanche!

Durante la sagra si paga con l’antica moneta

Attenzione perché durante la Festa di Mura sarà bandito l’euro ma circolerà la Palanca, moneta murasca coniata appositamente ogni anno e messa in circolo per tre giorni nel rione e che permetterà l’acquisto di bevande e dei cibi offerti nelle locande. Se siete in città per la festa, vale la pena di visitare con attenzione il quartiere storico della cittadina che custodisce scorci caratteristici degni di nota, come la Rocchetta (una torretta campanaria a pianta quadrata incastonata tra gli edifici), il torrione (torre merlata a pianta circolare) e la chiesa di S. Giovanni con affreschi risalanti al XV secolo. Per il resto il borgo è costituito da una strada principale, la via Mura su cui si affacciano vecchi edifici e in cui è presente la vecchia “porta di mura”, un edificio a torre posto nel mezzo della strada e che un tempo era il principale accesso alla città. FG