La Liguria, per clima e per cultura, è sempre stata una terra fiorita. Attorno a ville ottocentesche e liberty crescono giardini, parchi a tema e percorsi culturali. Raffinati giardini all’italiana offrono itinerari letterari ed artistici, oppure, piante rare, tropicali ed esotiche che la sapienza dei botanici ha portato da ogni parte del mondo. Quale stagione migliore se non la primavera che, grazie al clima mite delle coste liguri, già si mostra in tutta la sua bellezza con fioriture anticipate.

VILLA GROCK (IMPERIA)
Un omaggio ad Adrien Charles Wettach in arte Grock, all’uomo e all’artista, alla sua fervida immaginazione e sorprendente fantasia, che ha lasciato in eredità questo incredibile insieme di forme e colori che si chiama Villa Grock che in ogni angolo della villa reca la sua originale e personalissima impronta. Conobbe Imperia per caso, facendo visita ai suoceri in villeggiatura nel 1920, e ne rimase così colpito da acquistare una casa con terreno, inizialmente destinata alle vacanze. Proprio in quel luogo venne costruita la villa che ancora oggi domina la collina di Oneglia. Info su museodelclown.it.

VILLA HANBURY (VENTIMIGLIA)
I Giardini Botanici Hanbury, voluti nel 1867 da Sir Thomas Hanbury, si estendono per oltre 18 ettari attorno alla villa già Orengo sul promontorio della Mortola, a pochi chilometri dal confine francese, in parte lasciati a vegetazione naturale. L’attuale aspetto deriva dall’opera condotta dagli Hanbury, con grandi giardinieri-botanici quali L. Winter e A. Berger, tra il 1867 e i primi del ‘900. L’impianto e le finalità originarie sono propri del giardino di acclimatazione di piante esotiche provenienti dalle più lontane regioni del mondo. Info su giardinihanbury.com.

GIARDINO PALLANCA (BORDIGHERA)
Nelle belle giornate di sole, un tripudio di colori accoglie i visitatori del Giardino Esotico Pallanca, una vera e propria oasi verde situata a Bordighera, in provincia di Imperia, su un ripido pendio roccioso a picco sul mare. Ben 3.200 tipi diversi di piante esotiche trovano spazio in questo luogo unico in Italia, conosciuto soprattutto per la sua preziosa collezione di cactus che conta, tra gli altri, anche uno splendido esemplare di copiapoa cilena che, con i suoi tre secoli di vita, è considerato uno dei più longevi esistenti al mondo. Info su pallanca.it.

VILLA DURAZZO (SANTA MARGHERITA LIGURE)
Villa Durazzo, nel Comune di Santa Margherita Ligure, in provincia di Genova, deve la sua bellezza ad un parco secolare di circa tre ettari suddiviso in tre settori: Giardino all’Italiana, l’Agrumeto e il Parco Romantico. Ultima scoperta è il Giardino segreto che, ripristinato nel 2004, nascosto da quinte verdi di camelie, rappresentava il luogo d’incontro degli innamorati nell’Ottocento. Dopo essere stata grande albergo (tra gli ospiti fissi per lunghi periodi il re di Albania, e la Regina Margherita di Savoia), dopo diversi cambi di proprietario la Villa e il parco vengono ceduti al Comune di Santa Margherita. Info su villadurazzo.it.

VILLA NOBEL (SANREMO)
A Sanremo, scienza, storia e natura si uniscono nella splendida Villa Nobel, che fu per 6 anni la dimora del famoso scienziato svedese Alfred Nobel, l’inventore della dinamite e del premio che ancora oggi porta il suo nome. La villa è circondata da un parco che un tempo si estendeva sino al mare, con numerose piante pregiate tra cui l’altissima Cupressus macrocarpa di origine californiana e un boschetto di bambù. Inoltre, sono stati ricreati gli ambienti dell’epoca, tra cui lo studio e la camera da letto di Nobel dove sono stati ricollocati alcuni dei mobili originali e una mostra permanente con un excursus sulle scoperte più importanti del XIX secolo. Info su villanobel.provincia.imperia.it.

VILLA FARAGGIANA (ALBISSOLA MARINA)
Un giardino di cedri, magnolie e alberi di canfora circonda Villa Faraggiana, nota per i suoi ricchissimi interni tardo barocchi, la cappella con l’affresco di Ratti, la fantastica specchiera di Filippo Parodi, la Galleria delle Quattro Stagioni, gli stucchi, i saloni e le maioliche di pavimenti e pareti. Accanto alle due grandi fontane e al lussureggiante viale d’accesso, nel giardino si possono ammirare aiuole dalle forme irregolari attorno alla vasca centrale e disseminate di piante d’alto fusto, tra cui anche ibiscus, un piccolo agrumeto e un esemplare di Sofora Iapponica. Info su villafaraggiana.it.

mitomorrow.it