Cortigiani, dame, principi, cantastorie e armati tra le vie del centro storico, nelle piazze, nei palazzi rinascimentali e tra le mura del possente Castello: benvenuti alla festa in maschera nella Ferrara del Rinascimento.

 

In maschera nella Ferrara del Rinascimento

Da domani fino al 23 febbraio, la città di Ferrara celebra il Carnevale degli Este. Quattro giorni ricchi di eventi, sfilate e degustazione della gastronomia locale fra le vie della città estense.

Architetture, strade e monumenti saranno allestiti ad hoc dai rievocatori storici del Palio di Ferrara e dalle Contrade cittadine che ospiteranno turisti e maschere nelle loro sedi fra cene, banchetti, aperitivi e spettacoli ispirati alle feste che si tenevano in città durante i carnevali del XV e XVI secolo.

Come nelle edizioni degli anni precedenti, a eventi e alle iniziative gastronomiche si accosteranno recite teatrali, pantomime in maschera e danze a cura dei gruppi di danza storica delle Contrade del Palio, oltre ad ulteriori spettacoli ed animazioni di piazza curate da compagnie teatrali provenienti dalle Marche, dal Friuli Venezia Giulia e da altre regioni.

Pantomime e cortei. Nel programma oltre cinquanta appuntamenti che prevedono coinvolgenti animazioni a tema storico, con cortei di 500 figuranti in costumi dell’epoca, giochi d’armi e di fuoco, danze e concerti, banchetti a menù rinascimentali, conferenze sugli Estensi e le loro usanze, visite guidate a tema per le vie della città e nei palazzi storici, laboratori ludico-didattici in Castello e presso i Musei, e un mercatino rinascimentale delle erbe.

Inoltre, il pubblico potrà sperimentare la paurosa durezza del processo e della tortura medievale o lasciarsi rapire dal suggestivo spettacolo della proiezione sulle pareti interne di Casa Romei, ricca abitazione del XV secolo miracolosamente conservatasi, delle policromie che affrescavano originariamente il prestigioso edificio.

Da non perdere il tradizionale corteo storico, quest’anno dedicato a due personaggi maschili: i fratelli Alfonso e Ippolito d’Este, artefici della gloriosa vittoria di Polesella sulle armate veneziane nel lontano 22 dicembre 1509. In l’occasione della kermesse, sabato 22 e domenica 23 febbraio i Musei civici saranno aperti gratuitamente: Casa di Ludovico Ariosto, Palazzina Marfisa d’Este, Museo di Storia Naturale, Museo della Cattedrale, Palazzo Bonacossi, Museo del Risorgimento e della Resistenza, Padiglione d’Arte Contemporanea.

Info su paliodiferrara.it.

In maschera nella Ferrara del Rinascimento
In maschera nella Ferrara del Rinascimento