vinitaly
vinitaly

E sono cinquantatré. Proprio così, quest’anno Vinitaly, la kermesse del vino per eccellenza spegne ben 53 candeline. Ad accogliere i visitatori, come sempre, la sede storica, la Fiera di Verona che da domenica 7 a mercoledì 10 aprile, apre i battenti per uno degli eventi clou della città scaligera, il Salone internazionale dei vini e distillati.

Un’occasione per degustare, guidati da esperti internazionali, vini che hanno fatto, stanno facendo o faranno la storia dell’enologia mondiale e confrontare bollicine, territori e annate: un gioco che non piace solo agli esperti ma ai tanti neofiti che si avvicinano al mondo del vino. Tanti gli eventi consolidati, come le degustazioni di calici provenienti da produzioni di nicchia o realtà consolidate, ma anche tante novità, come le masterclass.

Degustazioni Top
Ogni edizione è come una nuova annata e l’occasione buona per assaggiare etichette di ogni provenienza. E anche nel 2019 la rassegna offre circa novanta tasting che danno l’opportunità di conoscere vini di tutti i continenti. Dalla degustazione guidata da Ian D’Agata in collaborazione con l’Associazione le Donne del Vino che presenta i “I vini rivoluzionari delle giovani donne del vino”, oppure le esclusive degustazioni dell’Amarone della Valpolicella.

Organic Hall
Nel padiglione F è stato creato un grande spazio, denominato Organic Hall, dedicato ai vini biologici e ai produttori artigianali. Spazio che accoglierà Vinitalybio e la collettiva di produttori artigianali dell’associazione Vi.Te (Vignaioli e Territori, che da sette anni collabora con Vinitaly). Sono inoltre previsti convegni e specifiche masterclass con lo scopo di aumentare la visibilità delle aziende vitivinicole che puntano sulla sostenibilità delle produzioni.

Le masterclass
Novità assoluta del calendario di Vinitaly sono le masterclass organizzate in collaborazione con l’Associazione Vi.Te e dedicate ai vini artigianali e i Tasting ex… press, viaggio tra i migliori territori di produzione realizzato da Vinitaly in collaborazione con le più importanti riviste enologiche internazionali, che quest’anno ha tra i focus di rilievo la Francia e la Slovenia. Torna anche l’iniziativa Young to Young riservata ai migliori giovani blogger del vino.

International_Wine
L’internazionalità è un aspetto che Vinitaly segue con particolare attenzione, grazie alle degustazioni nel padiglione International_Wine. Un format che abbinando la presenza espositiva con le iniziative di assaggio dà l’occasione di conoscere, ad esempio, oltre ai vini australiani, spagnoli, francesi, croati e ungheresi, anche i distillati tipici di altre culture come Pisco peruviano, il Rum della Repubblica Dominicana, la Tequila messicana o il Sake giapponese.

Vinitaly and the City
Il fuori salone del vino è un appuntamento fisso dell’agenda dei wine lover. Già da domani, fino a lunedì 8 aprile, saranno in programma tante degustazioni in abbinamento a specialità street food gourmet. Vino, cultura, incontri e spettacolo nelle piazze e nei luoghi più suggestivi di Verona, tra i quali Piazze dei Signori, Cortile Mercato Vecchio, Piazza San Zeno e anche alcuni luoghi suggestivi della provincia veronese, Bardolino, Valeggio sul Mincio e Soave.

Vinitalybio
Il salone dedicato al vino biologico certificato, organizzato in collaborazione con Federazione Italiana Agricoltura Biologica e Biodinamica. All’interno dell’area Vinitalybio le aziende hanno l’opportunità di presentarsi attraverso incontri presso lo stand e sessioni di degustazione guidate. Oltre agli stand è allestita un’enoteca “bio” per dare visibilità anche alle aziende che oltre ai vini prodotti con metodi convenzionali, propongono una linea biologica certificata

310.000,
Le aziende agricole italiane

55 milioni di ettolitri,
La produzione vinicola nel 2018

41%,
La quota di produzione di vini DOC, DOCG e IGT


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/