23 C
Milano
17. 05. 2021 16:16

La Villa Reale di Monza chiude: è “guerra legale” tra gestori e sindaco

Dopo la rinascita nuovamente il declino. È rottura tra l'amministrazione comunale e i gestori della villa reale di Monza. Quale futuro per l'edificio storico? Il racconto nel nostro editoriale

Più letti

Domani il gestore privato restituirà le chiavi della Villa Reale di Monza al Consorzio pubblico, con 14 anni di anticipo da quanto previsto dal contratto. Nel frattempo sono già stati smontati per essere messi in un deposito i pannelli per le esposizioni, i cartelli con le indicazioni disegnati dall’archistar Michele De Lucchi, l’attrezzatura della cucina professionale del ristorante che era stata presa in gestione da Vicook della famiglia Cerea, quella del ristorante pluristellato Da Vittorio.

Tutto materiale che secondo il gestore vale 1,2 milioni di euro e che il consorzio ha deciso di non acquistare così come di non subentrare alle utenze di luce e gas. Tutto è iniziato nel 2018 con una richiesta di revisione del piano finanziario e una diffida del gestore da otto milioni di euro.

La pandemia ha aggravato la situazione. Chiusa a marzo, a maggio alla villa hanno aperto solo gli appartamenti di Umberto e Margherita, quelli cioè gestiti direttamente dal consorzio che il 23 dicembre ha inviato una lettera per rescindere il contratto.  La decisione finale sulla diatriba finirà in tribunale.

Nel frattempo il sindaco di Monza Dario Allevi ha voluto rassicurare.  «Spiegherò nei dettagli tutto quello che è successo negli ultimi mesi e quello che abbiamo intenzione di fare per riaprire quanto prima (emergenza sanitaria permettendo) le porte del nostro gioiello al pubblico». E ancora: «Nessun arredo storico uscirà dalla Reggia».

In breve

Milano, al posto dell’ex mercato comunale del Qt8 sorgerà il CASVA

Approvato il progetto esecutivo per la realizzazione del CASVA, il Centro Alti Studi per le Arti Visive, che sorgerà...