20.6 C
Milano
17. 05. 2022 03:05

Quando comitato non fa rima con rompi…capo

Le istituzioni e i cittadini possono fare politica al meglio e insieme? Ecco un esempio

Più letti

Vi raccontiamo come le istituzioni e i cittadini possono fare politica al meglio, collaborando. Contatto uno dei referenti del comitato Promessi Sposi, quartiere incastrato tra la Barona, Chiesa Rossa e il Pavese, e mi faccio raccontare dell’incontro avuto negli scorsi giorni in piazza Maggi con alcuni rappresentanti politici. Partiamo da una premessa: le segnalazioni fatte dal comitato negli scorsi anni sono mediamente cadute nel vuoto. Ma Pietro Caruana e i suoi non hanno ceduto e hanno ottenuto un primo importante risultato. Piazza Maggi, strada di passaggio tra la metro di Famagosta e il quartiere residenziale, è frequentemente oggetto di microcriminalità, vandalismi e abbandono illecito di rifiuti.

Collaborazione tra istituzioni e cittadini, l’esempio del comitato Promessi Sposi e del Municipio 5

A seguito dell’ennesimo episodio di furto ai danni di una ragazza, il comitato ha contattato il presidente di Municipio 5, Natale Carapellese, e l’assessore comunale alla Sicurezza Marco Granelli. Il riscontro c’è stato: Carapellese ha richiesto un sopralluogo con tutte le parti interessate (c’è un tema di competenze, perché formalmente la piazza appartiene al Municipio 5 ma il tratto tra la fermata metro di Famagosta e il sottopasso appartiene al 6). Erano dunque presenti Granelli e il suo staff, Polizia Locale, Carapellese, il presidente della commissione Sicurezza del Municipio 5, l’assessore del Municipio 6 Fabrizio Delfini e i responsabili sicurezza di Atm.

Andando ai contenuti: alcune telecamere non funzionanti verranno sostituite, stesso discorso per le colonnine SOS. È stata sottolineata dal comitato, e rilevata dalle istituzioni, la necessità di una maggiore illuminazione, di ripensare le aiuole all’interno e appena fuori della piazza e di rendere più decorosi i muri (magari con qualche opera artistica). Il gruppo si è poi spostato nella parte antistante la fermata metro di Famagosta e nell’adiacente tunnel-galleria pedonale. L’intera fermata andrebbe ripensata e modernizzata.

Hanno preso appunti e si sono dati appuntamento per una riunione tecnica i due Municipi e Atm (ma pare che anche Esselunga voglia collaborare alle iniziative). Pietro attende riscontro per i prossimi mesi. Complimenti ai cittadini che impegnano tempo ed energie per migliorare la città e ai politici che li utilizzano al meglio.

In breve

Milano, al Giambellino arrivano i lampioni smart contro rifiuti e soste irregolari

Una nuova ed impensabile nuova arma per contrastare i furbetti dei rifiuti: a Milano, per la precisione al Giambellino,...