11.9 C
Milano
10. 04. 2021 20:35

Cucimilano: se io fossi…

Più letti

Bollettino regionale Covid: tasso di positività al 5,6%, intensive -4, ricoveri -193, decessi +81

I positivi al Covid-19 riscontrati nelle ultime 24 ore in Lombardia sono 2.974 con la percentuale tra tamponi eseguiti...

Anche Guido Bertolaso vaccinatore a domicilio

«Questa mattina Guido Bertolaso ha smesso i panni di coordinatore della campagna vaccinale in Lombardia e ha vestito quelli...

Fontana: «Entro fine aprile in zona gialla, poi faremo un’estate da liberi»

«Quando saremo fuori bisogna chiederlo ai medici, ma questa estate, entro luglio, sempre che arrivino i vaccini, saremo messi...

Se io fossi il proprietario di un palazzo in una zona non propriamente al top del mercato immobiliare e un artista abbellisse una delle facciate del mio stabile, come accaduto con Cucimilano, farei di tutto per conservare quest’opera. Perché forse non tutti sanno che la “street art” non solo riesce, con poco, a riqualificare e a rendere “bello” un immobile o un muro, ma addirittura ne fa crescere (e di molto per giunta) il valore di mercato.

Se venisse un’agenzia pubblicitaria che ha già dei cartelli nel mio stabile proprio accanto all’opera d’arte e mi chiedesse di fare cartelloni più grandi coprendo in parte il dipinto murale, rinuncerei a qualche soldo in più e direi di no. Fosse solo per una questione economica: il mio palazzo vale di più con l’opera d’arte, vale molto di meno se questa è coperta e i soldi del contratto pubblicitario non basterebbero ad arrivare al valore perso.

Se poi fossi un’agenzia pubblicitaria, non mi sognerei mai di fare una proposta del genere: nel mondo di oggi la reputazione è spesso più importante della chiusura di un buon affare. Anzi, cercherei un modo intelligente e fantasioso per cavalcare quel murales, non per coprirlo.

Se fossi nell’amministrazione pubblica comincerei a ragionare su una norma comunale per tutelare queste espressioni artistiche, ormai sempre più frequenti e sempre più parte dell’identità milanese contemporanea. Secondo le leggi e le normative attuali infatti il potere del Comune è solo persuasivo e non coercitivo.

Potrebbe, questo, essere l’ennesimo campo di sperimentazione di Milano, da costruire insieme ai cittadini e alle realtà culturali e perché no anche alle associazioni di categoria degli agenti immobiliari e delle agenzie pubblicitarie.

Un patto cittadino per l’arte muraria, che parta da un censimento delle opere e che poi le valorizzi, le renda importanti e inserite nel circuito turistico e anche economico della città. Nel frattempo tante e tanti cittadini hanno chiesto con successo di salvare l’opera di Zed1, il CuciMilano, un bellissimo dipinto murale in via Brembo.


www.mitomorrow.it

www.facebook.com/MiTomorrowOff/

In breve

Anche Guido Bertolaso vaccinatore a domicilio

«Questa mattina Guido Bertolaso ha smesso i panni di coordinatore della campagna vaccinale in Lombardia e ha vestito quelli...