29.1 C
Milano
Gio, 09 Lug 2020 15:47:58

Fase 3, il silenzio non è d’oro

Più letti

Milano, presidio lavoratori H&M: «Ci obbligano a trasferirci. È solo un pretesto»

I lavoratori di H&M di Milano sono pronti nuovamente a dar battaglia all'azienda. Al centro della protesta la chiusura...

Milano, riaprono le discoteche: «Una sorta di ritorno al night anni ’60»

L'ora "X" è scattata: domani riaprono finalmente le discoteche. Finalmente si potrà tornare a ballare, ma solo a determinate...

Piazzale Baiamonti, abbattuto l’anfiteatro degli artisti di strada: scontro aperto tra ambientalisti e Palazzo Marino

Si aggiunge un altro episodio alla vicenda del piazzale Baiamonti. Nei giorni scorsi un blitz con tanto di bulldozer...

Fase 3. Affrontare i problemi con tempestività, fantasia ed eliminando un po’ di burocrazia in eccesso. Solo così potremo affrontare in modo efficace, con risultati anche sul lungo periodo, questa nuova fase che stiamo vivendo di convivenza forzata con la pandemia.

 

Fase 3, il silenzio è d’oro

Molte città, in ogni parte del mondo, stanno scegliendo di vivere di più all’aperto. Negozi, bar e ristoranti vengono autorizzati a occupare le aree davanti al loro esercizio.

Non solo è una decisione obbligata dai tempi dell’emergenza, ma può anzi essere un nuovo modo per restituire vitalità alle città.

A Milano sta già accadendo, con uno sforzo encomiabile degli uffici pubblici e del Comune, che stanno accelerando centinaia di pratiche per consentire a tanti commercianti e ristoratori di poter occupare la aree adiacenti ai loro negozi.

Eliminando lungaggini burocratiche e anche le tasse, almeno per questa fase. In generale, immaginare una Milano che viva di più così può avere enormi vantaggi anche senza la pandemia.

Vie magari brutte, con marciapiedi sporchi, possono riqualificarsi grazie all’impegno del barista o del ristoratore di turno. Camminando per le vie della città in alcune zone si può vedere come questo stia già avvenendo.

Fase 3, la cura della pazienza

Una cura reciproca, un momento di simbiosi che può lasciare un segno duraturo se verrà accompagnato anche in futuro verso soluzioni stabili e non abbandonato a emergenza finita.

Servirà cura, evitare per esempio eccessi, avere anche un po’ di pazienza, perché magari sentiremo qualche rumore in più la sera.

Ma saranno rumori di vita, di una comunità che si riprende e che guarda al domani con speranza e non rassegnazione: abbiamo finalmente capito che il silenzio, vissuto nei drammatici mesi di lockdown, non è affatto d’oro?

In breve

Milano, presidio lavoratori H&M: «Ci obbligano a trasferirci. È solo un pretesto»

I lavoratori di H&M di Milano sono pronti nuovamente a dar battaglia all'azienda. Al centro della protesta la chiusura...

Milano, riaprono le discoteche: «Una sorta di ritorno al night anni ’60»

L'ora "X" è scattata: domani riaprono finalmente le discoteche. Finalmente si potrà tornare a ballare, ma solo a determinate condizioni. In primis, i locali...

Piazzale Baiamonti, abbattuto l’anfiteatro degli artisti di strada: scontro aperto tra ambientalisti e Palazzo Marino

Si aggiunge un altro episodio alla vicenda del piazzale Baiamonti. Nei giorni scorsi un blitz con tanto di bulldozer ha distrutto l'anfiteatro costruito dagli...

Attenzione alla nuova truffa: un falso sms di Findomestic come “cavallo di Troia”

L'ultima frontiera delle truffe si chiama social engineering, uno dei modi più subdoli per raggirare i poveri malcapitati. Un sms riportante «Come da sua...

“Caso camici”, la GdF indaga sul cognato di Fontana e sull’azienda regionale “Aria”

Alcune settimane fa il "caso camici", emerso durante un'inchiesta della trasmissione "Report" era balzato all'onore delle cronache per il coinvolgimento della moglie e del...

Potrebbe interessarti