17.9 C
Milano
27. 02. 2021 17:17

Il flop dei ristoratori ribelli (e dei controlli)

La fronda dei ristoratori, al di là dell'eco sui sociali, si è rivelata un flop a partire dai numeri e purtroppo anche dai controlli.

Più letti

M4, ci siamo: ecco quando verrà inaugurata la fermata di Linate

Le gallerie della M4 sono terminate e molte delle fermate sono già ultimate. Tra queste, come dimostrano le immagini...

Scuola, Gismondo: «È un bene primario essenziale, non togliamogliela»

Il primo segnale dell'aumento dei contagi in Lombardia sono state proprio le scuole. Nel giro di due settimane i...

Vaccini, Bertolaso: «La coperta non è corta: è un fazzoletto»

Nella corsa contro il tempo per vaccinare più persone possibili, Guido Bertolaso è fermamente convinto che dopo gli over...

La fronda dei ristoratori non è decollata. L’iniziativa #ioapro, giudicata un flop dalla Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi da subito contraria alla protesta, ha segnato la differenza che passa tra un “like” sui social e la realtà.

Col passare dei giorni le adesioni si sono assottigliate, probabilmente per paura di ripercussioni sul piano legale e per una generale tutela nei confronti dei clienti, anche loro a rischio sanzione.

Eppure la circolare del Ministero dell’Interno aveva chiesto più controlli proprio nelle grandi città e presso quei locali che, pubblicamente o nelle chat private, avevano dichiarato l’intenzione di alzare le saracinesche. E a Milano qualche controllo c’è pure stato, con tanto di intimidazioni da parte dei presenti in sala con grida e urla all’indirizzo dei poliziotti, come documentato da diversi video circolati sui social ieri sera.

C’è anche, tra i gestori, chi ha trasgredito alle stesse regole che gli stessi ristoratori “rivoltosi” si erano dati: tavoli distanti, mascherine, conti al tavolo prima del coprifuoco. Anche in questo caso i social hanno svelato scene “poco ortodosse” con balli e gente senza mascherina in giro per il ristorante.

Peccato, perché una forma di protesta ben organizzata e meno improvvisata poteva senz’altro aprire un confronto diretto con le istituzioni sul tema delle riaperture in sicurezza e degli indennizzi ad una categoria, quella dei ristoranti, che soffre senza dubbio di una rappresentanza a dir poco debole. Non è infrangendo le regole, a 360 gradi, che si protegge una categoria martoriata e priva di autorevolezza nei tavoli con il Governo.

In breve

Quanto tempo ancora passerà dall’ultimo concerto? Il grido d’aiuto dei live club

Una data simbolica. Il 27 febbraio. Già, perché un anno fa si procedeva alle prime chiusure dovute alla situazione...