13.1 C
Milano
23. 10. 2020 10:03

Le foto di Elena Galimberti in mostra: uno sguardo sulla città aperta

L'appuntamento con le Milanesi: Elena Galimberti ha riscoperto Milano girandola come se fosse una turista, realizzando i primi scatti con il suo cellulare

Più letti

Ritroviamo Marco Bianchi: «Coinvolgiamo i bambini fin dalla spesa»

Studioso, divulgatore scientifico, cuoco salutista, food blogger e personaggio televisivo. Una carriera dai tanti volti e ruoli per il...

Il futuro a Milano, il lettore Seamus: «Comodo col mio monopattino, ma tutti devono seguire le regole»

Seamus Colin 37 anni, cuoco Milanese da 4 anni «Lavoro in un ristorante etnico qui a Milano ed il periodo non è...

Milano, un fine settimana dedicata al genio italiano

Un weekend per scoprire l’Italia creativa. È la nuova edizione di ApritiModa che si svolge domani e domenica con...

Questa è la storia di Elena Galimberti, architetto di formazione, rinata con la fotografia. Inizia a conoscere realmente Milano quando vi ritorna nel 2013, dopo dieci anni vissuti a Lisbona.

Le foto di Elena Galimberti, sguardo sulla città aperta

Elena riscopre la città girandola come se fosse una turista: realizza i primi scatti con il suo cellulare, rimanendo affascinata da quella Porta Nuova che sta prendendo vita e forma. E passa i suoi pomeriggi lì, passeggiando tra il vecchio e il nuovo. Crea la pagina Facebook Il Milanese abbellito e le sue foto iniziano davvero a girare.

Migliorarsi. Nel 2017 urge passare ad una macchina fotografica professionale: già l’anno successivo allestisce la sua prima mostra, Citazioni, dove oltre a foto di Milano espone anche immagini di Lisbona. Segue On my Mi(la)nd e, proprio in questi giorni (fino al 18 settembre), il Museo della Scienza e della Tecnologia ospita Milano città aperta, la metropoli vista da diverse angolazioni che ne raccontano forme e dettagli, attraverso scatti dall’alto e sguardi da cortili e musei.

Donne. Elena continua a mantenere uno sguardo tanto curioso quanto distaccato dalla città, che ormai gira solo utilizzando i mezzi pubblici o la sua bicicletta. Donne e fotografia, binomio per nulla scontato: «Sono molte le fotografe che stimo – racconta –: trovo che l’approccio femminile produca immagini più intime. Non saprei dire se e quanto la presenza maschile sia predominante, quello che vedo è la continua crescita delle donne in questo campo».

Valore. Un segnale importante: «Il lavoro di una persona ha un valore che viene riconosciuto a seconda delle emozioni che riesce a trasmettere, a prescindere dal genere».

Milano, Gae Aulenti foto di Elena Galimberti
Milano, Gae Aulenti foto di Elena Galimberti

In breve

Milano, un fine settimana dedicata al genio italiano

Un weekend per scoprire l’Italia creativa. È la nuova edizione di ApritiModa che si svolge domani e domenica con...

Il futuro a Milano, il lettore Seamus: «Comodo col mio monopattino, ma tutti devono seguire le regole»

Seamus Colin 37 anni, cuoco Milanese da 4 anni «Lavoro in un ristorante etnico qui a Milano ed il periodo non è certo facile, seppur riusciamo a...

Milano, un fine settimana dedicata al genio italiano

Un weekend per scoprire l’Italia creativa. È la nuova edizione di ApritiModa che si svolge domani e domenica con oltre settanta tra atelier, laboratori...

L’arte salverà il mondo: gli “anticorpi creativi” di Mr. Quarantine

Santi e supereroi. Un’accoppiata blasfema? Nient’affatto: sono i “compagni” di quarantena dell’artista siciliano e milanese d’adozione, Giuseppe Veneziano che, durante l’isolamento da lockdown, ha...

Anche il “Mite” Fontana tuonò: «O si fa così o lascio»

Accade che lunedì scorso la Regione Lombardia avanzi ufficialmente al Ministero della Salute la richiesta di poter istituire il coprifuoco dalle 23.00 a partire...

Potrebbe interessarti