15.6 C
Milano
28. 09. 2021 10:12

Monopattini, la scure della Procura

Più letti

Non si placano le polemiche sull’uso dei monopattini a Milano. In giro per le strade ce ne sarebbero più di quelli che potrebbero circolare in base alle “flotte” previste per le società da un bando dell’amministrazione comunale milanese che regola il servizio.

L’indicazione emerge da dati raccolti dalla Procura di Milano in un’indagine esplorativa già aperta per verificare la sicurezza di questi mezzi, il cui utilizzo è aumentato con l’emergenza sanitaria, e che hanno causato incidenti, anche gravi.

Dai numeri analizzati dagli inquirenti del dipartimento “Ambiente, salute, sicurezza, lavoro”, guidato dall’aggiunto Tiziana Siciliano, risulta, infatti, che rispetto alla “flotta” di 750 monopattini che ogni società di sharing può mettere in campo, una delle aziende dichiara di avere anche altri quasi 700 mezzi in magazzino e poi di avere in circolazione in totale una flotta di circa 1.430 monopattini.

Anche un’altra società può contare su oltre 200 mezzi in più rispetto ai 750 previsti. Le aziende, tra l’altro, pagano delle quote al Comune su ogni monopattino, ma solo per le flotte previste (750 per ogni società) e non per i mezzi in più.

Oltre a segnalare la necessità di controlli più capillari sugli effettivi monopattini in circolazione, in Procura viene evidenziata la questione dei parcheggi “selvaggi” dei mezzi, in gran parte messi fuori dagli spazi previsti (come le rastrelliere delle bici).

E ci sono difficoltà nel rimuoverli. Capita pure che le stesse società di sharing li raccolgano con dei furgoni e li mettano poi nei luoghi dove passano più persone, come davanti alla stazione di Cadorna, ma sempre con parcheggi irregolari.

In breve

Si torna a San Siro: il Milan si prepara ad ospitare l’Atletico Madrid

Dopo quella di due settimane fa ad Anfield contro il Liverpool, un’altra magica notte di Champions League attende il...