oroscopo

I lettori più attenti (o semplicemente i più appassionati di astrologia) avranno notato che da giovedì scorso, a pagina 19, Mi-Tomorrow propone l’oroscopo a tredici segni. Merito di Ofiuco, che dal latino significa “colui che domina il serpente, unica costellazione a non aver dato il nome ad un segno.

 

L’Ofiuco, infatti, è un segno di terra fisso di genere maschile, che si trova dietro il Sole tra il 30 novembre e il 18 dicembre, modificando così non solo la durata del Sagittario, ma anche quella di tutti gli altri segni. Lo zodiaco a tredici segni ottenne popolarità negli anni Novanta soprattutto in Giappone, ma qualcuno ci crede anche dalle nostre parti. Mi-Tomorrow ha voluto così contraddistinguersi con qualcosa di “insolito”, fuori dagli schemi, com’è nella sua vocazione.

Il lettore ha a disposizione due modi per leggere l’oroscopo, che resta contraddistinto dalle stelline e dagli “stati milanesi” (piazza Gae Aulenti, piazza Duomo, San Siro, tram storico e traffico in tangenziale): può cercare il suo classico segno oppure leggere quello corrispondente al rimescolamento delle date per effetto dell’Ofiuco. Una curiosità: si dice che le persone nate sotto questo segno abbiano qualità affini ai Gemelli e alla Bilancia, per spiccato intelletto e grande senso estetico. I nati tra fine novembre e il 18 dicembre comincino a farci caso…


www.mitomorrow.it