6 C
Milano
01. 12. 2020 12:40

Questioni di classe

Più letti

Paola Meacci, titolare di tre palestre vicino il cantiere M4: «Io non ho perso clienti»

Avere tre studi in città tutti in prossimità di cantieri di grandi dimensioni. Un record poco invidiabile per Paola...

Un vaccino per i più piccoli: uno spray al posto della puntura

«Il vaccino spray antinfluenzale potrà essere utilizzato in un'unica somministrazione e sarà esteso ai ragazzi fino a 10 anni»....

Ristoranti e bar: i soliti “cornuti e mazziati”

Se la fine di novembre ha conciso per tanti milanesi con il ritorno ad una parvenza di normalità, grazie...

Qualcuno, già durante il lockdown, aveva provato a mettere in guardia sul ritardo e sull’assenza di strategia in merito alla scuola, alla necessità di prepararsi per tempo per il ritorno in classe di bambini e ragazzi e di rilanciare il sistema formativo italiano nel suo complesso, mettendo mano finalmente a una riforma che da troppo tempo si aspetta.

Purtroppo quel timore sta diventando, giorno dopo giorno, una triste realtà. Sono troppi gli istituti che non sono ripartiti a pieno regime, mancano gli insegnanti e le nomine non sono state sbloccate in modo tempestivo. Molti alunni sono obbligati ad andare a scuola a turni, le lezioni in presenza non sono la normalità e quelle a distanza mostrano i problemi già evidenziati nei mesi scorsi.

La didattica a distanza ha messo ancora di più in evidenza le diseguaglianze tra le famiglie, distanze di ceto, economiche, culturali che invece la scuola dovrebbe accorciare se non annullare. Un problema che è ben presente anche a Milano, città e area metropolitana, dove queste diseguaglianze stanno riemergendo in modo sempre più evidente. Purtroppo Il Ministero dell’Istruzione, sia a Roma che nei suoi uffici locali, ha dato e sta dando una prova di sé non sufficiente.

Abbiamo parlato per giorni e settimane di banchi mobili quando, forse, al centro della discussione dovevano tornare bambine e bambini, ragazze e ragazzi. Il solito vizio del dito, mentre la luna si allontana sempre di più. Per fortuna ci sono tanti dirigenti scolastici, tante e tanti insegnanti, professoresse e professori che tengono in piedi la baracca con grande passione e professionalità.

Ma questa baracca deve diventare una casa, non può restare a lungo così fatiscente. L’impegno eroico dei singoli non basta più.

scuola unione studenti milano
scuola unione studenti milano

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

Da Sant’Ambroeus il “Panettone per Bene”: una nuova iniziativa solidale a Milano

Nasce il “Panettone per Bene”. Si tratta di un’iniziativa frutto della partnership tra la pasticceria Sant’Ambroeus Milano e l’associazione CAF, onlus che da...

Un vaccino per i più piccoli: uno spray al posto della puntura

«Il vaccino spray antinfluenzale potrà essere utilizzato in un'unica somministrazione e sarà esteso ai ragazzi fino a 10 anni». Lo ha annunciato l'assessore regionale...

Ristoranti e bar: i soliti “cornuti e mazziati”

Se la fine di novembre ha conciso per tanti milanesi con il ritorno ad una parvenza di normalità, grazie alla riapertura dei negozi, altrettanto...

Milano prepara guanti e cappello: in arrivo la prima nevicata della stagione

La colonnina di mercurio picchia verso il basso. Tra questa notte e domani, Milano attende la sua prima neve della stagione. Non resta che...

Sognando Tokio, la storia di Mauro Fasano: «La racchetta mi dà libertà»

Il sogno è Tokyo, il presente è la racchetta. Come il futuro, a prescindere dal traguardo a cinque cerchi. Per Mauro Fasano, 51 anni,...

Potrebbe interessarti