25.3 C
Milano
17. 06. 2021 01:23

Questioni di classe

Più letti

Qualcuno, già durante il lockdown, aveva provato a mettere in guardia sul ritardo e sull’assenza di strategia in merito alla scuola, alla necessità di prepararsi per tempo per il ritorno in classe di bambini e ragazzi e di rilanciare il sistema formativo italiano nel suo complesso, mettendo mano finalmente a una riforma che da troppo tempo si aspetta.

Purtroppo quel timore sta diventando, giorno dopo giorno, una triste realtà. Sono troppi gli istituti che non sono ripartiti a pieno regime, mancano gli insegnanti e le nomine non sono state sbloccate in modo tempestivo. Molti alunni sono obbligati ad andare a scuola a turni, le lezioni in presenza non sono la normalità e quelle a distanza mostrano i problemi già evidenziati nei mesi scorsi.

La didattica a distanza ha messo ancora di più in evidenza le diseguaglianze tra le famiglie, distanze di ceto, economiche, culturali che invece la scuola dovrebbe accorciare se non annullare. Un problema che è ben presente anche a Milano, città e area metropolitana, dove queste diseguaglianze stanno riemergendo in modo sempre più evidente. Purtroppo Il Ministero dell’Istruzione, sia a Roma che nei suoi uffici locali, ha dato e sta dando una prova di sé non sufficiente.

Abbiamo parlato per giorni e settimane di banchi mobili quando, forse, al centro della discussione dovevano tornare bambine e bambini, ragazze e ragazzi. Il solito vizio del dito, mentre la luna si allontana sempre di più. Per fortuna ci sono tanti dirigenti scolastici, tante e tanti insegnanti, professoresse e professori che tengono in piedi la baracca con grande passione e professionalità.

Ma questa baracca deve diventare una casa, non può restare a lungo così fatiscente. L’impegno eroico dei singoli non basta più.

scuola unione studenti milano
scuola unione studenti milano

In breve

Focolaio Covid, la palestra di Città Studi chiude per una settimana

Il focolaio scoppiato nella palestra di Città Studi a Milano sta tenendo alta l'attenzione su una nuova possibile diffusione...