11.8 C
Milano
22. 10. 2020 06:09

Referendum: sì o no, poi c’è il come

Un “taglio” che porterà ad avere 400 deputati e 200 senatori. Quali sono i pro e i contro?

Più letti

Lombardia, la bozza della nuova ordinanza: le nuove regole

Dopo l'ufficialità del coprifuoco che partirà da domani, giovedì 22 ottobre, emergono i dettagli della bozza dell'ulteriore ordinanza regionale...

Metro 5 a Bresso: da sogno a realtà

Nel 2016 l'allora consigliere regionale Stefano Buffagni aveva promesso il raddoppio della linea 5 della metropolitana, con una variante...

Milano, preoccupazione al Sacco: scoppia un focolaio in un reparto

Il reparto di cardiologia dell'ospedale Sacco di Milano è stato svuotato di pazienti dopo la scoperta di un focolaio...

Il 20 e 21 settembre saremo chiamati a votare per il referendum sulla riforma costituzionale che riduce il numero dei parlamentari.

I sostenitori del sì sostengono che questa riduzione non intaccherà la rappresentanza e renderà più snello e rapido il processo decisionale. Quelli del no evidenziano i rischi per la democrazia di un taglio fatto senza riforme accessorie, senza garanzie, e che questo porti soltanto a una minore rappresentanza e quindi meno democrazia di fatto.

Spesso e volentieri, il dibattito viene impostato sui numeri, sui paragoni tra l’Italia e altri Stati, su formule matematiche che a seconda delle posizioni aiutano l’una o l’altra testi. Su questo bisogna rovesciare il dibattito: non è il numero in sé la questione, e fare paragoni matematici, o calcoli aritmetici, in politica (e quindi in democrazia) non ha alcun senso.

Quello di cui si dovrebbe discutere è se il sistema istituzionale oggi in vigore migliora o meno con questa riforma. O se, forse, non sia il caso di affrontare, una volta per tutte, quello che manca all’Italia per avere una democrazia forte, che quindi rappresenti il popolo e lo garantisca, e al tempo stesso processi decisionali più rapidi, efficaci e al passo con i tempi.

referendum comune milano
referendum comune milano

Quello che nessuno, sia tra chi sostiene il sì che tra chi è per il no, può negare è che il giorno dopo i temi resteranno tutti sul piatto: la necessità di superare il bicameralismo perfetto (se vince il sì Camera e Senato continueranno ad avere lo stesso potere, così come se prevale il no; questo è uno dei nodi che rallenta il processo delle decisioni), un sistema elettorale che garantisca governabilità ma al tempo stesso la rappresentanza democratica, il rafforzamento (con i dovuti contrappesi) dei ruoli del presidente del Consiglio.

A ciò si aggiunga l’ultima, ma per nulla secondaria, questione: che i parlamentari siano più o meno può anche essere una scelta “tecnica”. Quello che gli ultimi trent’anni hanno dimostrato, però, è che la qualità non è migliorata: serve quindi più politica e non meno, partiti che tornino ad avere autorevolezza, forza e capacità di selezionare la loro classe dirigente, e persino qualche forma di finanziamento che li renda indipendenti da interessi esterni. Altrimenti, ogni riforma rischia di essere vana. L’anti-politica ha dimostrato quanto serva, invece, la politica.

 

In breve

Metro 5 a Bresso: da sogno a realtà

Nel 2016 l'allora consigliere regionale Stefano Buffagni aveva promesso il raddoppio della linea 5 della metropolitana, con una variante...

Metro 5 a Bresso: da sogno a realtà

Nel 2016 l'allora consigliere regionale Stefano Buffagni aveva promesso il raddoppio della linea 5 della metropolitana, con una variante in grado di collegare la...

Milano, preoccupazione al Sacco: scoppia un focolaio in un reparto

Il reparto di cardiologia dell'ospedale Sacco di Milano è stato svuotato di pazienti dopo la scoperta di un focolaio Covid. Al momento risultano contagiati...

Bollettino regionale, mai così tanti contagi in un giorno: i dati

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 4.126, con la percentuale tra tamponi eseguiti (36.416 oggi) e positivi che sale al 11%. È quanto...

L’inter debutta in Europa: a San Siro c’è il Borussia Monchengladbach

Questa sera riparte il cammino europeo dell'Inter alla conquista della coppa dalle grandi orecchie.  L'appuntamento è per questa sera a San Siro: gli uomini...

Potrebbe interessarti