0.6 C
Milano
07. 12. 2021 10:16

Spiegateci in quale fase siamo

Mascherine, distanze, igienizzanti. In questi mesi abbiamo imparato le “buone maniere”, ma pare che ancora più rapidamente ce le siamo scordate

Più letti

Non ho abbastanza competenze e presunzioni scientifiche per determinare chi abbia più ragione tra il partito di Alberto Zangrillo, che continua ad elargire pillole di ottimismo sul Covid, e quello di Massimo Galli, che non perde occasione per lanciare allarmi. Tuttavia, ci sono dei fatti evidenti che è bene mettere in evidenza.

Il primo riguarda ciò che sta avvenendo intorno a noi: le seconde ondate di contagi, certamente più controllabili rispetto a febbraio-marzo, sono un fatto certificato. Se Hong Kong, che per la prima volta ha chiuso totalmente i ristoranti, ci sembra lontanissima, basta vedere quanto sta avvenendo nella più vicina Spagna, dove Barcellona è stata messa in semi lockdown e verso la quale alcuni Paesi come Francia e Germania hanno disposto limiti e chiusure.

Il secondo fatto riguarda più direttamente i nostri comportamenti. Caduto l’obbligo della mascherina all’aperto in Lombardia, in tanti ormai se ne dimenticano anche quando entrano in un bar o in un negozio. Gli stessi ristoratori e negozianti che prendono la temperatura all’ingresso si sono rapidamente ridotti, inducendo così implicitamente e senz’altro involontariamente ad una sorta di “liberi tutti”.

Nessuno certo auspica una “società del terrore”, dove appare fin ridicolo un controllo a campione con raffica di multe in metropolitana come avvenuto in Garibaldi. Però la prudenza è una virtù che non dovrebbe ancora essere abbandonata. Ci apprestiamo a vivere un autunno “caldo” con gravi ripercussioni a livello sociale. E Milano oggi sembra davvero essere la città più indietro rispetto al resto del Paese. Nuove prescrizioni o, peggio ancora, chiusure sarebbero un boomerang devastante: un colpo di grazia da scongiurare con ogni mezzo, che non è certo il terrore o lo spionaggio.

Viviamoci, ma non abbandoniamo quelle poche e semplicissime regole che abbiamo imparato stando in casa a impastare pane e purtroppo a contare malati e morti. Altro fatto, quest’ultimo, che qualcuno farebbe bene a ricordare anziché gettarsi in grottesche affermazioni.

In breve

Milano, disagi in vista: sciopero nazionale dei mezzi contro il Green Pass

Ferrovieri e autisti dei mezzi pubblici incrociano nuovamente le braccia. Per il prossimo venerdì 3 dicembre è stato indetto...