7.8 C
Milano
03. 03. 2021 05:34

Con la zona gialla scoppia la “terza ondata di moralismo”: ne abbiamo proprio bisogno?

Il passaggio in zona gialla ha riportato in auge i "moralizzatori". È davvero necessario criticare i cittadini che compiono azioni consentite dalla legge e dai comitati scientifici?

Più letti

Sanremo 2021, prima serata da 1 a 10: “Fai rumore” patrimonio Unesco, Fiorello nel suo habitat, Lauro in un mondo parallelo

La prima serata di Sanremo 2021 rivista dai nostri giudizi: tanto da raccontare, tanto da rivedere nel primo segmento...

Lombardia, ipotesi zona rossa da lunedì 8 marzo

Due mesi dopo per la Lombardia torna lo spettro della zona rossa. Questa volta, però, a decretarla potrebbe essere...

Bollettino regionale, la variante inglese diventa dominante e le terapie intensive crescono ancora

I positivi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 3.762 con la percentuale tra tamponi eseguiti (42.052 oggi) e positivi...
La Lombardia è finalmente tornata in zona gialla. Certo, andrebbe fatto un serio ragionamento sul perché siamo restati in zona rossa prima e arancione poi, più tempo del dovuto.
Tra pallottolieri e calcolatrici, abbiamo dato l’ennesima pessima prova, in barba alla “teologia dell’efficienza” che abbiamo sostenuto negli ultimi 25 anni. Prima o poi si capirà. Detto questo, sappiamo cosa vuol dire zona gialla: bar e ristoranti aperti fino alle 18.00, più negozi, più possibilità di movimento.
Ma già, implacabili, si sentono le voci di quanti contestano il comportamento delle persone che escono, vanno al bar, mangiano al ristorante. Siamo già davanti alla terza ondata di moralismo, seppur meno forte delle precedenti.
Sia chiaro: non compete a chi scrive stabilire se ci sono le condizioni per riaprire o meno. Ci sono comitati tecnico-scientifici che lavorano per questo, stabilendo parametri, regole, protocolli (poi bisognerebbe aiutarli facendo bene i conti).
Se la Lombardia e Milano sono in zona gialla è perché i parametri decisi dalle autorità sanitarie e politiche lo consentono. Quindi, in sostanza, ai milanesi è consentito fare delle cose che prima non potevano. Contestare come irresponsabile un cittadino che va a bersi una birra al pub, o che si siede a un tavolo per mangiare una pizza o una bistecca, è un atteggiamento intollerabile.
Torniamo sempre alla casella di partenza: se si ritiene che non siamo nelle condizioni di abbassare la guardia, di riaprire, di tirare un po’ fuori la testa, si contestino le decisioni politiche, le scelte dei comitati tecnico-scientifici. Prendersela con chi fa delle cose, tra l’altro consentite dalle leggi in vigore, è solo facile moralismo. Evitiamocelo, se possibile, almeno questa volta.

In breve

Milano, tanti alberi per via Porpora: un sogno che potrebbe diventare realtà

Verde Porpora è un gruppo nato da pochissimi giorni su Facebook. Raccoglie alcuni cittadini residenti in zona Porpora, lunga...