6.9 C
Milano
30. 11. 2020 18:06

Una “zona rossa” a macchia di leopardo

Quello di questi giorni è un lockdown anomalo: regole non rispettate, controlli mancati e blandi inviti al senso di responsabilità

Più letti

La sottosegretaria Zampa ed il ministro Boccia criticano i milanesi per le vie dello shopping

Nella giornata di ieri è ufficialmente la corsa allo shopping e le strade di Milano sono tornate a popolarsi....

Milano, il Duomo e la Galleria salutano i nuovi alberi di Natale

Il Natale si avvicina e da domani a Milano si accenderanno le luminarie nei vari quartieri della città. Proseguono...

Milano, gli studenti sono stanchi della Dad: una nuova manifestazione in piazza

Oggi sono tornati sui banchi gli studenti delle seconde  e terze medie. Gli studenti del liceo invece sono ancora...

Ce l’avevano detto e ripetuto prima di farlo: non ci saranno più le scene del lockdown di marzo. E così è, a otto mesi (domani) dal Dpcm che l’11 marzo 2020 chiuse in casa l’Italia. Dopo quattro giorni di Milano “zona rossa” le differenze con gli scenari di primavera è palpabile.

Sembra più di vivere il contesto della vecchia “Fase 2”, quando dal 4 al 17 maggio era consentita la colazione da asporto nei bar e l’assalto ai parchi (vietato formalmente) veniva tollerato. Restano aperte alcune contraddizioni: si può andare dal barbiere, ma non in un negozio di abbigliamento, si possono acquistare libri, fiori e profumi, ma non un paio di scarpe.

martesana milano

E’ la distinzione, un po’ ambigua, tra ciò che è “stretta necessità” e ciò che non lo è. Il problema, semmai, è di creare una discriminazione anche nel mondo del commercio, che a Milano soffre pure di una crisi di rappresentanza senza precedenti. E’ vero che il raffreddamento della curva dei contagi dipenderà dal comportamento di ognuno di noi, ma è altrettanto evidente come la comunicazione di divieti, restrizioni e deroghe non contribuisca in alcun modo ad alzare il livello di responsabilità.

Gli assembramenti erano vietati anche in spiaggia, ma venivano tollerati. Oggi è vietato uscire di casa se non per necessità di lavoro o salute, eppure i controlli viaggiano sul filo del rasoio tra la necessità di non creare ulteriore tensione sociale e di far rispettare le regole. Si andrà verso uno stop-and-go continuo tra aperture e chiusure. E ce lo porteremo dietro fino a marzo. Il punto è che così rischia di essere ancora più deleterio.

SCARICA L'AUTOCERTIFICAZIONE SCARICA AUTOCERTIFICAZIONE

In breve

Nuova disavventura per Vittorio Brumotti al Parco delle Groane

Una nuova disavventura per Vittorio Brumotti nel milanese. Questa volta il teatro della vicenda è stato il Parco delle...

Milano, il Duomo e la Galleria salutano i nuovi alberi di Natale

Il Natale si avvicina e da domani a Milano si accenderanno le luminarie nei vari quartieri della città. Proseguono anche i preparativi per installare...

Milano, gli studenti sono stanchi della Dad: una nuova manifestazione in piazza

Oggi sono tornati sui banchi gli studenti delle seconde  e terze medie. Gli studenti del liceo invece sono ancora "rimandati" a data da destinarsi....

Blitz dei vandali contro la croce verde di Baggio: chi sono i responsabili?

La Croce Verde Baggio, storica associazione di assistenza meneghina, è stata presa di mira da un gruppo di vandali. Ieri pomeriggio il blitz: qualcuno,...

Nuova disavventura per Vittorio Brumotti al Parco delle Groane

Una nuova disavventura per Vittorio Brumotti nel milanese. Questa volta il teatro della vicenda è stato il Parco delle Groane tra Castellazzo e Senago,...

Potrebbe interessarti