16.9 C
Milano
15. 05. 2021 14:31

Avanti, un buco alla volta: i voti del Fantamunicipio #17

Diciassettesimo appuntamento con il FantaMunicipio fra rigenerazioni non sempre “lineari” e nuove, illustri sponsorizzazioni

Più letti

Buchi urbani mai sistemati: è questo il fil rouge della nuova puntata di un FantaMunicipio particolarmente equilibrato, quest’anno. Le città che crescono con noi, si generano, formano e trovano un’identità grazie a chi le ha progettate, curate e realizzate a volte dimenticano angoli su cui non si è più costruito e per cui non è ancora stata trovata una soluzione. Soluzioni, però, sono in vista nei Municipi 1, 3 e 4.

Davanti alle romane Colonne di San Lorenzo sorgerà una nuova palazzina di lusso, che tanto sta facendo discutere. In viale Andrea Doria, a due passi da Loreto, un ostello con rigenerazione del tratto di strada adiacente e in piazzale Ferrara l’ormai storico scheletro diventerà come già previsto una residenza universitaria targata Politecnico. Non c’è un buco, bensì un edificio abbandonato da abbattere e ricostruire dove c’è il Pirellino: ma questa è un’altra storia.

Municipio 1

Il caso (discusso) di Gate Central – Voto 7

Gate Central, una palazzina di quattro piani in costruzione davanti alle Colonne di San Lorenzo, sta trovando la fervida opposizione di alcuni residenti riuniti in un comitato (il Comitato Parco delle Basiliche) con l’obiettivo di rivederne la facciata. Il palazzo, attualmente in realizzazione a livello di fondamenta, sorgerà in uno storico buco di città in cui più di ottant’anni fa furono demoliti alcuni palazzi medievali ormai fatiscenti e per il suo completamento sono stati raccolti 2,5 milioni in crowdfunding.

Municipio 2

Avanza la scuola media – Voto 7

Da diversi mesi sono ormai in corso i lavori per la nuova scuola media di via Adriano 60, attesissima in un quartiere rimasto a lungo incompiuto. Nella foto, un render apparso sul sito di ATIproject (che con Iti Impresa Generale si è aggiudicata i lavori). La struttura, la cui inaugurazione era prevista per l’avvio dell’anno scolastico 2021-2022, slitterà sicuramente di qualche mese. Una nota a margine circa il progetto: a primo impatto risulta un po’ anonimo, al ribasso. Un’occasione persa?

Municipio 3

Il “vuoto” di viale Andrea Doria – Voto 8,5

A distanza di quasi due anni dalla presentazione del progetto, si inizia a lavorare per riempire lo spazio vuoto tra i palazzi di viale Andrea Doria 52 e 56, a due passi da piazzale Loreto. Sorgerà un ostello con ampi spazi a uso pubblico: nove i piani con affaccio su una nuova piazza e ridisegno complessivo del tratto di via compreso tra viale Brianza e via Giovanni da Palestrina, oggi adibito a parcheggio pubblico a pagamento. Al suo posto un padiglione per prodotti a chilometri zero, infopoint, area giochi e un giardino.

Municipio 4

Novità per lo scheletro al Corvetto – Voto 8

C’è una speranza per lo scheletro di piazzale Ferrara, zona Corvetto. Si tratta di un edificio Aler, iniziato nel 2012, mai completato e in seguito abbandonato, arrivando a costituire elemento di degrado in un’area già critica. Ma qualcosa si muove: a breve il Politecnico, che in base a un accordo di programma con Regione e Comune ne avrebbe dovuto fare una residenza universitaria, prenderà in carico l’edificio con messa in sicurezza. Da agosto inizio ai lavori, fino al 2022.

Municipio 5

Rigenerare la piazza bianca – Voto 7,5

Ridare vita a una piazza deserta da anni in prossimità delle tristemente note Torri Bianche del Gratosoglio: questo l’obiettivo di Regione Lombardia e Aler che, in collaborazione con il Politecnico, lanciano un bando per i locali sfitti attualmente presenti. La Regione ha investito 100.000 euro (che abbatteranno i costi di rinnovamento dei locali dell’80%), mentre il canone di affitto sarà ridotto del 50%. Il bando, rivolto alla micro-imprenditoria, è un progetto pilota: funzionerà?

Municipio 6

Arte aperta al Giambellino – Voto 7,5

L’associazione Milano Mediterranea ha lanciato un’interessante open call attraverso cui ha selezionato (assieme a un comitato di quartiere) le opere di tre artisti stranieri, residenti a Milano, indirizzate al quartiere del Giambellino. Le opere, al momento solo dei progetti sulla carta, verranno prodotte e svelate al pubblico in primavera-estate, compatibilmente con l’emergenza sanitaria in corso. Ci sembra un’iniziativa interessante: le nostre periferie necessitano di arte e cultura in ogni angolo.

Municipio 7

Cura per i giardini in Dezza – Voto 7,5

Anche il colosso Enel ha scelto di investire risorse nella cura e nella rigenerazione del territorio di Milano. Parliamo del giardino di via Dezza, nell’elegante distretto di Porta Vercellina, che nel 2021 sarà interessato da alcuni interventi di riqualificazione: in particolare il rifacimento dell’area verde, dei campi presenti di calcio e basket e il posizionamento di nuovi giochi inclusivi. Recentemente, nell’area, il Comune ha ultimato la risistemazione dei vialetti pedonali. Ritocchi anche in vista della M4.

Municipio 8

Il cimitero torna monumentale – Voto 8

La scorsa settimana abbiamo presentato la futura rigenerazione di piazzale Santorre di Santarosa, ma nel frattempo procede (ed è in attesa di validazione) il progetto sul piazzale del Cimitero Maggiore. L’obiettivo è ripristinarne l’impianto monumentale con sistemazione della pavimentazione, nuova vasta area pedonale, 500 metri di pista ciclabile che collegherà viale Certosa con via Gallarate, 160 posti auto e 160 nuovi alberi. È un progetto da 4,5 milioni di euro. Termine delle offerte: 3 febbraio.

Municipio 9

Si attende per l’ex Pirellino – Voto 6,5

Slitta l’annuncio del progetto scelto per trasformare il vecchio grattacielo di via Pirelli 30 – gli ex Uffici Tecnici del Comune di Milano -, noto anche come Pirellino. Il motivo? La discussione (recente) tra Comune e Regione sugli indici di edificabilità aumentati per chi presenta progetti volti a riqualificare edifici abbandonati da tempo. Al netto di questo punto, di cui il gruppo Coima è probabilmente sempre stato al corrente, speriamo in un progetto di qualità e all’altezza della zona.

In breve

L’amministratore delegato dell’ex Ilva: «L’aria di Taranto è venti volte più pulita di quella di Milano»

Parole di fuoco quelle di Lucia Morselli, amministratore delegato di Acciaierie Italia Spa, che gestisce gli stabilimenti dell'ex Ilva...